fbpx

Omologazione stressante

Omologazione stressante

Omologazione stressante 150 150 Silvia Pedri

“Tale e Quale”. Io non ho la televisione. Ma a volte, quando sono a casa dei miei genitori, mi capita davanti lo spot pubblicitario di questo programma televisivo.

Ci sono stati tanti programmi in precedenza in cui si imitavano personaggi famosi. Gare canore in cui fan appassionati ricalcavano i loro idoli ad esempio. Era un bell’esercizio. Esiste una pratica specifica in pnl, il ‘modelling’: mi identifico, mi fondo con un personaggio che amo e mi nutro del suo essere speciale.  In fondo è un modo distorto di essere più me stesso e di esserlo meglio. Se amo tanto quel personaggio è perché rispecchia parti di me, che io ne sia consapevole o meno, le parti che amo di più.

Ma questo programma, “Tale e Quale”, è unico nel suo genere, il primo. Emblema del ripiegarsi dei tempi verso la decadenza, verso la sterilità assoluta. È sorprendente! Non sono io, nullità, che mi clono pur di essere qualcuno. Qui sono i personaggi famosi che si clonano tra loro.
Nemmeno loro hanno il coraggio di essere se stessi, neanche loro hanno qualcosa da offrire e la voglia di offrirla. Non hanno più niente da offrire se non scimmiottamenti di altri. Vince la copia più perfetta.
Se questi programmi esistono, forse è il caso di dire ciò che non mi sarei mai sognata di dire tanto è scontato. L’omologazione è stressante.
Le donne in tutto il mondo, sono, se possibile, bionde. Truccate allo stesso modo. Si ammazzano di attività fisica che le fa invecchiare prima (perché l’eccesso di ossigeno ossida e l’eccesso di sforzo acidifica) prima e in modo più secco e rachitico, tanto poi c’è il chirurgo estetico che le gonfia. Queste le immagini pubbliche, sulle riviste, nelle pubblicità, al cine, in politica… Curioso che ci sia un solo modello sul pianeta per sete miliardi di persone.
Quando ho visto una foto di Michaela Zadra pensai, in automatico, <che brutta>. Ha un viso non truccato o almeno non truccato bene: i suoi occhi non vanno all’insù ma sono tondi, di forma curiosa. Un segno di sciatteria se non di bruttezza. Poi a forza di guardarla mi ci sono abituata. I suoi occhi sono bellissimi. Proporzionati, unici, con un particolare sapore antico e indiano. Assomiglia alle Dee del Tantra con cui si trova in sintonia.
Il suo Spirito ha improntato la materia dei suoi lineamenti. E lei non lo corregge. Ne è fiera! È come i suoi idoli in fondo, è come lei è. Non può essere che così.
Amo il mio Spirito e amo me stessa. Perché confondermi con mille altre bionde?
L’omologazione è bella. È l’abbraccio caldo della tribù. Ti riconosco fratello. Sono come te, fratello. Uso anch’io l’I-phone. E ho le sopracciglia ad ali di gabbiano.
L’omologazione è stressante. Bionda sposata e con stipendio.  In ufficio i giorni lavorativi e la domenica all’ikea. Come mi vuoi? Dimmi che ci provo! È stressante! A non tutte sta bene il biondo. Guardiamoci allo specchio. È inutile sforzarsi tanto nell’imitazione di un personaggio.  Non verrà mai bene. E’ meglio l’originale.
Togliamogli i vestiti a questa maschera sociale, uno a uno, sfidiamo tutte le convenzioni, le convinzioni, le definizioni, le abitudini, le norme estetiche. Lasciamo cadere maschere, vestiti, comportamenti.
Il sistema economico cade, le strutture sociali istituzionali assistenziali religiose… si sfaldano, la terra si trasforma con cataclismi. È il momento. È il momento di abbandonare tutto.
Muore ciò che deve morire, tutto ciò che di per sé non ha vita e non ha senso. La Vita non muore mai. Insieme all’anno passato, al buio del solstizio d’inverno che ci riporta a noi stessi e alla nostra verità, insieme all’era passata, lasciamo cadere tutto ciò che ci è attaccato addosso e definisce dall’esterno la nostra forma, la nostra identità. C’è un rischio. Potrebbe non rimanerci più niente. Ma questo libero nulla, che sono io, adesso posso giocare a vestirlo COME PIACE A ME, per la prima volta.

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)
    Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e vis...
  • Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro
    Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - LibroBellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. "Tutti i bambini possono diventare Einstein....
  • Mass media e opinioni di massa: tu con chi stai?
    (…) Le notizie hanno il solo scopo di continuare ad alimentare la vostra paura e di offrirvi problemi infiniti che non siete in grado di risolvere, per generare un flusso costante di impotenza e assic...

Silvia Pedri

Silvia Pedri

Silvia Pedri è una libera esploratrice e comunicatrice. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale e una Pagina Facebook con 15.000 fan (2020). Offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi saggi e poesie, mp3 di musica e di meditazioni, e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta.

Tutti gli articoli di: Silvia Pedri