La rivoluzione parte da qui

La rivoluzione parte da qui

La rivoluzione parte da qui 1200 628 Silvia Pedri

Non serve piangere sul latte versato.
Non serve ridere sul latte versato.
Piangere è autocommiserarsi. Sei deprimente per te e per gli altri, magari sei aggressiva anche, antipatica.
Ridere è drogarsi. Vai verso la fuga, l’oblìo, fai buon riso a cattivo gioco e non ci pensi più.
Che fai? Lasci correre?

Devi SENTIRE, dentro di te, come la cosa più normale e reale e scontata al mondo, che tu il latte lo bevi, come una bimba bella e affamata, te ne nutri.
Devi SENTIRE, dentro di te, come la cosa più normale e reale e scontata al mondo, che tu nel latte ci fai il bagno, come Cleopatra, te ne nutri.
Che sei una bambina in fiore e una regina in frutto. Lo sei per diritto naturale.

Tu, Donna, sei abituata a sentirti invisibile e impotente?
Ti hanno fatto sentire così, per loro comodo, ti hanno condizionato a sentirti così.

Finora.
Tu, ora, puoi dire basta.

Nessuno può essere fatto sentire inferiore senza il suo consenso. Nessuno può essere fatto sentire in alcun modo senza la sua partecipazione. Scegli di farti sentire come meglio tu ti senti! Per il bene di tutti. Per la dignità e la gioia di tutti. Per il fiorire di questa società. Per il tuo fruttificare. Abbiamo bisogno della tua felicità. Non della tua rabbia acida e delle tue paranoie sterili.

Sei stata, nei secoli, sfruttata, umiliata, imprigionata. Questa memoria si tramanda nel sangue conducendo per risonanza a continue occasioni di essere ignorata o tradita. Il carnefice chiama la vittima e la vittima chiama il carnefice. Per sempre. Finora. Fino a che entrambi non imparano a capire se stessi e a capire l’altro. A capire che c’è dell’altro a questo mondo!

Puoi considerarlo passato. Devi considerarlo passato. Perché fino a che non ti rendi conto del potere che hai, dell’amore che dai e dell’amore che ricevi, continuerai sempre a mortificarti acconsentendo a sperimentare la sorte di vittima o rivendicando finalmente la tua occasione di essere carnefice.

 

Devi coltivare la pace, dentro e fuori di te. Devi SENTIRE la Pace, il tuo pieno, rigoglioso, sereno diritto di esistere, il tuo quieto, caldo risplendere.
Non sentirti vittima e non risorgere come carnefice. Devi costruire il Nuovo Mondo sulle ceneri del vecchio. Sii un individuo dalle enormi potenzialità e sii fiera di esserlo. Liberati dai condizionamenti e inizia a VEDERE, fuori dai ruoli, fuori dai dolori, fuori dalle tue abitudini e dai condizionamenti altrui, vedere l’Armonia del Nuovo Mondo che ti aspetta, che ci aspetta.
Inventati ogni giorno. Creati fuori da qualsiasi schema, imprendibile da qualsiasi convinzione e convinzione, da qualsiasi padrone.
Sappi che puoi farlo, a partire dalle piccole cose, con naturalezza, con la tua naturale infinita creatività.
Sappi che lo farai senza accorgertene, con semplicità e spontaneità, quando l’amore per la vita e per te stessa inizierà a muoversi dentro di te e a non potere fare a meno di crescere e premere per uscire…
Le altre donne, gli altri uomini aspettano solo di dialogare, in amore, con te, di essere visti, rispettati e di imparare, come te, a dare il meglio che hanno, passo dopo passo.

Puoi e devi avere il coraggio di dire basta, non solo al vecchio mondo, ma anche alla vecchia te.
Non c’è nulla per cui combattere che non sia l’Amore e l’Armonia, la curiosità, il dialogo, l’empatia…
E la pace si crea solo attraverso la Pace.
L’unico modo di combattere per amore è ESSERE amore.

Esplora e percepisci la tua Bellezza.
E lascia che sia.

A poco a poco cadrà ogni possibile dubbio sul tuo valore.
Tolta la rabbia e tolto il dolore, resterà soltanto la tua tranquilla consapevolezza del tuo valore.

Allora sì, sarai invincibile. Quando ti SENTIRAI in questo modo, quando non te ne importerà più niente perché sarai felice, allora certamente sarai invincibile, sarai pace. Nessuno si sognerebbe mai di attaccarti. Niente nella tua energia richiamerebbe situazioni simili, pericoli o offese. Hai altro da fare, altro da essere. Sei fuori da questi giri. Hai imparato tutte le lezioni che avevano da insegnarti. Ora onori le antenate essendo diversa da loro. Ora te lo puoi permettere. Tu puoi fare il salto. Sei quello che loro hanno sempre sognato.
Sei un essere umano che sceglie e realizza la SINTONIA col suo essere divino.
E si relaziona con fratelli e sorelle all’insegna della sintonia.

Silvia Pedri

Silvia Pedri

Silvia Pedri è una libera esploratrice e comunicatrice. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale. Dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi e poesie, mp3 di musica e di meditazioni da lei create, e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta.

Tutti gli articoli di: Silvia Pedri