Non leggere questo post: è riservato agli artisti

Non leggere questo post: è riservato agli artisti

Non leggere questo post: è riservato agli artisti 728 450 Silvia Pedri

Benvenuto/a!
Sono felice di conoscere un giovane artista.

Sei giovane. Curioso, avventuroso, ribelle.
Sei artista. Fuori dagli schemi, da limiti e confini, ribelle.

Grazie di avere disubbidito e di avere reclamato la tua libertà e di essere entrato in questo articolo e di leggere questo post. L’ho scritto espressamente per Te.

Grazie anche perché ho bisogno di te, come tu hai bisogno di me, per crescere insieme.

Artista”, il vero artista, è qualcuno che fa bene cose belle. L’artista padroneggia una tecnica e vi infonde Vita Nuova.  Porta Armonia, ordine e guarigione attraverso la manifestazione della Bellezza. E in più riempie la Bellezza di Senso. Nutre di Bellezza, di Vita, di Spirito, se stesso e chiunque abbia accesso alla sua opera.

Dai loro frutti li riconoscerete.” Diceva un antico profeta.  Per me un artista è colui che fonde il Bello col Sacro. E credo fermamente che i suoi frutti siano i più necessari e i più rari, oggi più che mai, tra tutti i frutti che il genio umano possa produrre.

Il sostantivo “artista” è una definizione, un premio, che non si può regalare a chiunque.
Però è anche una formula magica che mi piace usare, anche apparentemente a sproposito. La parola “artista” descrive una modalità di essere e di vivere. Una modalità sacra.

Gli artisti fanno un patto con se stessi: riconoscono e accettano il fatto che amano la loro arte più di qualunque altra cosa e che non potranno fare a meno di dedicarsi a lei. “Arte” è ogni giorno della loro vita. Altrimenti stanno male. La vita è arte. Non esiste altra vita. È una scelta esistenziale che può sembrare eroica ma che è semplice sopravvivenza. Abbiamo bisogno di Bellezza, Divertimento, Libertà, per stare bene, per avere energia, per non ammalarci, per non morire, per trascorrere questo nostro tempo terreno senza che sia tempo perso.

Per questo, ti invito a ritagliarti del tempo per te, da solo o in compagnia, come più preferisci, ti invito a giocare col tuo tempo, a crearti degli spazi di improvvisazione, di meraviglia, di poesia.

Con questo spirito, ti esorto a essere artista, con la stessa urgenza con la quale ti esorto a respirare e continuare a respirare, e a perseverare a respirare e ad assorbire, a pieni polmoni, ossigeno e profumi.

Giocare ti può portare a creare cose belle, magari cose belle e utili, magari cose belle e divertenti, magari cose belle e sacre. Chissà. Oppure ti può fare ridere. Puoi anche fare e disfare, senza fare vedere nulla a nessuno. Oppure ti può stuzzicare a un nuovo atteggiamento nei confronti della vita.
Non devi per forza dipingere, cantare o suonare… Non devi per forza farlo bene. Ma poi… chi decide lo standard minimo accettabile? Bohh… Il tuo mondo è tuo. Queste decisioni le puoi e le devi prendere solo tu! 😉  Ma non importa se non hai “né arte né parte”. L’importante, la cosa veramente seria, è che giochi a ESSERE artista nella tua VITA.

L’importante è che sperimenti dentro di te ciò che ESSERE artista comporta. Questo cambierà per sempre la tua esistenza.

E se sei entrato in questo articolo, come dicevo, e ora mi stai leggendo, non sarà così difficile. Hai talento! Hai già conquistato dentro di te, nel corso della tua vita la LIBERTÀ che ogni artista, per potere essere tale, ha dentro di sé, nei confronti di se stesso e delle persone intorno a sé.

Ogni artista, per potere essere tale, conosce, molto bene, le regole, i modi, le consuetudini, le convenienze, del campo in cui si muove. E sceglie lui come e quando applicarle, quando e come starci dentro o quando e come starne fuori. Sa cosa gli conviene fare. E sa anche rischiare e andare oltre ogni convenienza. Sa che la vita è gioco e gioco è esplorazione, è prova ed errore e apprendimento, è sperimentazione.
La libertà dell’artista consiste nello scrivere lui le norme costituzionali e costitutive della sua esistenza. Imparare sempre. Fermarsi mai. L’artista è al di là dei condizionamenti. È ribelle. Ma non lo sa. È troppo impegnato a formulare e seguire le proprie regole, con rigore e disciplina.

Ogni artista si concede il piacere di dedicarsi, almeno un po’, almeno ogni tanto, alla sua arte. È un dovere che accetta e un diritto che reclama. È il piacere di dedicarsi a se stesso e a ciò che ama.

Una volta un mio amico mi disse “Se ti fa felice non è egoismo”. Io gli risposi: “Sì, è egoismo. E mi rende felice.” Mi rende felice perché è pieno di amore. Quindi è egoismo, sì, ma non fa male a nessuno, fa bene a me, e chissà a quanti altri di conseguenza. Se mi rende felice mi è necessario, se mi rende felice mi riempie d’amore e mi rende una cassa di risonanza di amore. Non posso prevedere quanti e quali modi, per sua necessaria fisiologia, il mio amore troverà per diffondersi.

Un artista esercita, in modo regolare, come un santo meditatore, la virtù della Dedizione, della Concentrazione, dell’Attenzione. Così è sempre stato, dall’alba dei tempi.
Grazie a queste virtù, e solo grazie a queste virtù, sono nate opere così piene di Senso, così ammalianti e coinvolgenti, così intense e vibranti.  Che siano affreschi o che siano fumetti, hanno in sé una Armonia e una Potenza che non ti lasciano indifferente. Tutt’altro! Ti spostano. Ti cambiano. Dopo averli visti non sei la stessa persona di prima.
Che sia cinema o musica, se ti lasci prendere, ti travolge con la sua poesia.

Eppure è solo una questione di intensità. Tutti possono imparare a SENTIRE come un artista.
E l’intensità è possibile solo grazie alla presenza totale, nel momento presente.
Sono parolone, molto new age e molto astratte. Ma il concetto è semplice e concreto.

  1. Aprirsi a cogliere la Bellezza e la Poesia nelle piccole cose. Le grandi verranno da sé…
  2. Fermarsi. Onorare questa Bellezza con l’Attenzione che viene naturale dedicarle.

Per l’artista o per chi vive in modo artistico è naturale l’attenzione, la concentrazione, la dedizione, l’amore, l’intensità. È la naturale pratica del vivere.

Tra tutti i guru spirituali l’artista è quello che mi ha insegnato di più.
Ho imparato anche l’impegno e il sacrificio che l’amore e la dedizione comportano. È un impegno che costa tempo ed energia. E’ un sacrificio che non costa nulla, che è ripagato dal fare ciò che si sta facendo.

Questo è il segreto di una vita che ha senso: non chiedersi quale è il senso, non chiedersi quale è il risultato ma fare qualcosa che si ama. Farlo almeno un po’. Se il risultato è brutto o non è apprezzato, poco importa. Di fatto, non importa proprio niente. Questo direbbe un guru spirituale. E questo sperimenta chi fa le cose con passione, con amore.

L’artista, il vero artista, insegna una forma di fedeltà assoluta, l’unica possibile, quella per il momento presente, quella per ciò che ama e che lo conduce e guida attraverso il tempo, quella verso se stesso.
L’artista si ritaglia del tempo per se stesso per nutrire se stesso e nutrire gli altri… e per essere poi in grado, pieno di energia e gioia, di dedicarsi con altrettanta pienezza ed entusiasmo anche agli altri. Non ha sensi di colpa. Forse non sa. Ma i sicuro a volte sperimenta.
Sa per esperienza che questa è l’ARTE SUBLIME DEL VIVERE.

 

*****

CONSIGLIATO PER TE: Audio meditazione per la piena espressione di se stessi
Un viaggio sciamanico molto profondo dove potrai raccogliere i tesori spirituali necessari ora alla piena espressione di te stesso.
È un adattamento della tecnica ipnotica che utilizzo nel mio lavoro per guidare le persone al di là del loro stato ordinario di coscienza.

È formulato per assecondare ogni sistema percettivo ed è calibrato per la resa più efficace e più sicura nell’uso individuale.
Un rito prezioso che va valorizzato in momenti di tranquillità, solitudine e concentrazione.
Abbandonati al suo potere e ti darà grandi risultati

 

Silvia Pedri

Silvia Pedri

Silvia Pedri è una libera esploratrice e comunicatrice. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale e una pagina facebook con, nel 2019, più di 15.000 fan. Offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi saggi e poesie, mp3 di musica e di meditazioni, e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta.a.

Tutti gli articoli di: Silvia Pedri