fbpx

Monologhi dell’Utero

Monologhi dell’Utero

Monologhi dell’Utero 1200 628 Silvia Pedri

Perché io?
Perché questo?
Perché tu?

Sono ancora molto molto inesperta circa la mia sessualità ma non ho fretta, non è un problema. Però sono erotica. So prendermi cura di me come individuo a 360 gradi. La mia ambizione, necessità e direzione è realizzarmi come individuo, e contemporaneamente la cosa che mi sta più a cuore è realizzare la coppia. Studio e sperimento le energie invisibili da una vita e ne ho consapevolezza. Sono molto sensibile, intensa e delicata. E non ho niente da perdere. Per tutte queste caratteristiche… sono la persona ideale per trattare questi argomenti.
Perché questi argomenti? Perché li amo, perché li voglio. Perché sono preziosi. Perché sono strumenti utili, potenti, semplici, necessari e indispensabili per guarire il rapporto con se stessi e con gli altri e portare Pace, Gioia, Amore nel mondo.
Silvia

Monologhi dell’Utero – una introduzione

In Italia, per anni, in teatro, hanno spopolato i Monologhi della Vagina. Fare parlare la vagina è come fare parlare il medico estetico di Belen, quello che le fa le punturine di acido ialuronico e collagene per intenderci. La parte esterna è interessante. Ma come spesso accade, quella interna di più.
Siamo una società di superficie. Per questo restiamo impigliati nelle tele di ragno delle trappole energetiche. Non le vediamo, non le conosciamo, non le pratichiamo. Una società di superficie è destinata a implodere, appassire e decomporsi come le superfici levigate delle nostre effimere stelle, fatte in serie con gli stampini di Instagram. Tutto ciò che non ha vita è destinato a decomporsi, tutto ciò che, inconsapevolmente, consuma vita e perde vita, appassisce.

Le femministe hanno capito e proclamato e agito che le Donne sono di più del loro grande cuore. Chi cerca di rientrare in stereotipi uterini di dolcezza rischia di starci così stretto da schizzarne via per ritrovarsi “desperate housewife”, fare “sex in the city” o diventare “Maleficent”, eroina cattiva, fiera, ribelle, feroce. Da quando, negli anni ’80, Maria Ciccone ha assunto il nome di Madonna e cantato Papà non rimproverarmi… Dio non è morto ma ha iniziato a non sentirsi più troppo bene. Oggi, il Dio del patriarcato sta agonizzando tra danze di sabba delle nuove, questa volta, giustamente, invincibili, streghe.
Donna Crea.
Donna Distrugge.
Donna può custodire, trasformare, ribaltare la Vita, può tutto: ha l’utero!

Monologhi dell'Utero - Silvia Pedri

Che ognuno sia libero di essere come vuole essere!
Che ognuno si ponga il problema di chi è e di che cosa vuole essere.
A volte sembra che siamo tutti travolti come fiamme al vento da correnti gelide e roventi di paura e rabbia. Maschi e Femmine. Uguali.
Opporsi ai condizionamenti non deve voler dire cadere schiavi di nuovi condizionamenti. Cercare la pace non significa ubriacarsi di lotta, di vino e sangue, accecarsi da nuovi condizionamenti e incastrarsi in nuove posizioni. Nuove posizioni di dolore. Non sta lì la Bellezza, la Gioia di vivere, l’equilibrio, il piacere, la Libertà, la realizzazione personale. Non sta lì la strada per il Nuovo Mondo.
La strada è riprendere il proprio potere. La strada è, per la prima volta nella storia dell’Umanità, esplorarlo e cercare di conoscerlo, farne esperienza, fuori dai dogmi prescrizioni e divieti.

Le Donne sono più del loro grande cuore. Sono più anche del loro grande sesso. Sicuramente sono più della loro vagina che è la parte esterna e superficiale del loro sesso. C’è tutto un mondo intorno. E c’è tutto un mondo dentro. Di tutto questo mondo, si inizia oggi, molto timidamente, a parlare. Poche terapeute americane inglesi e australiane, poche maestre di tantra o di taoismo. Poche nel mondo. È una conoscenza alla portata di tutti, persino con corsi on line per le più coraggiose, ma è una conoscenza di nicchia, così pericolosa e preziosa che, in Italia, viene bloccata dalla censura. Per mia esperienza personale, posso dire che Facebook rifiuta di promuovere i miei post con “contenuti per adulti” dove parlo di tantra come esempio di conciliazione maschile e femminile.

Monologhi dell'Utero - Silvia Pedri

Le Donne hanno una conformazione biologica ed energetica molto precisa e potente. È stata una delle ossessioni degli sciamani toltechi. I libri di Castaneda sono pieni di divieti sessuali sia per uomini sia per donne. Se vuoi fare cose, hai bisogno di energia. Se vuoi energia, devi risparmiarla, capitalizzarla, investirla. (avidità da alta finanza in salsa messicana) Vietate compromissioni! Come è finita? È finita che gli antichi sciamani toltechi sono stati divorati dai loro stessi divieti, dal loro egoismo, dalla loro rigidità, dalla loro concentrazione su se stessi che ha reso la loro energia una prigione. La loro via per il potere non fu una via per la libertà. Non fu, in ultima analisi, una via evolutiva. Mancava di cuore. Mancava della saggezza e della leggerezza, della agilità, che hanno acquisito le generazioni successive, della loro capacità di vivere nella realtà, con umiltà, senza estremismi, godendo di ogni momento di realtà.

(Dopo tutto se gli yogi tantrici indiani, che non sono dei fessi e sono ambiziosi almeno quanto lo erano i toltechi, hanno, all’opposto dei toltechi, utilizzato per millenni una via sessuale come strumento evolutivo, di pienezza, di libertà nonché di liberazione, liberazione dalla ruota delle rinascite, trasformazione e liberazione assolute quindi, un modo per relazionarsi c’è.)

La conoscenza degli antichi sciamani non è perduta e non va perduta. Le dinamiche energetiche delle relazioni di scambio, collaborazione, affetto, amore o sesso tra le persone devono essere oggetto di grande attenzione.

Questo è il momento cosmico chiave, in cui si giocano i salti evolutivi dell’Umanità, ed è evidente che non si evolve da soli. Serve più amore, serve più energia. Altrimenti non ce la possiamo fare. Non solo l’Umanità fallisce. Anche ciascuno di noi fallisce il proprio scopo esistenziale o per lo meno fallisce la propria ricerca di pace e integrità. Non c’è integrità senza scambio, senza compromissione. E’ un paradosso che richiede lucidità e coraggio…

Serve la sensibilità e la consapevolezza dell’energia, per sapersi muovere, in modo corretto e felice, in questo mondo sempre più pieno di tranelli, sempre più divorante…

Le Donne possono guarire il Mondo, amando se stesse e amando gli uomini, grazie al potere insito nella loro stessa natura. Questo è il momento, sempre più urgente, per imparare a conoscere il loro potere…

Seguimi e ti renderò partecipe dei miei studi e delle mie esperienze.

 

*****
In questo articolo discuto di pregi e difetti secondo me del sistema Tantrico. Ne discuto così bene che l’articolo ha meritato la censura, non ho potuto promuoverlo su Facebook. Leggi:
“C’è un virus nel sistema tantrico?”

 

 

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • C’è un virus nel sistema tantrico?
    Devo ancora capire bene. Devo ancora capire quanta anima c’è in queste Vie, quanto sono efficaci per la nostra realizzazione.Il Tantra è la Via evolutiva a due per eccellenza.Per citare il titolo di u...
  • Allineamento per le Anime Gemelle | Meditazione
    L'audio-meditazione per l'allineamento delle Anime Gemelle è stato creato da me ispirandomi a un lavoro di David Sabat, medium e operatore olistico. Ascoltarlo ti servirà a purificare e potenziare l’a...
  • C’è vita sul pianeta
    Non so se ti capitano spesso esperienze che ti ribaltano la vita.Certo, io me la sono andata a cercare.Un giro completo in latitudine. Un altro emisfero.Milano - Buenos Aires e ritorno in meno di una ...
  • Monologhi dell’Utero – Parte 2
    Da questa serie di articoli nascerà presto un progetto di Alchimia Femminile. Se sei interessata a ricevere news a riguardo, iscriviti alla mia newsletter a questo link e seleziona anche la voce "News...
  • Monologhi dell’Utero – Parte 3
    Da questa serie di articoli nascerà presto un progetto di Alchimia Femminile. Se sei interessata a ricevere news a riguardo, iscriviti alla mia newsletter a questo link e seleziona anche la voce "News...
Silvia Pedri

Silvia Pedri

Silvia Pedri è una libera esploratrice e comunicatrice. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale e una Pagina Facebook con 15.000 fan (2020). Offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi saggi e poesie, mp3 di musica e di meditazioni, e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta.

Tutti gli articoli di: Silvia Pedri
3 commenti
  • Fantastica capacità comunicativa tant’è che una volta lette le prime righe non ci si può astenere dal seguitare a farlo. Complimenti

  • Avatar
    Rita Della Vecchia 28 Gennaio 2020 a 11:38

    Grazie ,ogni volta leggerti è un viaggio dentro di me ,

  • Accetto volentieri di commentare questo ennesimo bellissimo articolo perché è ricchissimo di tematiche che riguardano tutte le donne ma non solo.
    “La società di superficie”, nonostante le numerosissime “trappole energetiche” a me sembra si espanda sempre di più, perché non appassisce, imputridisce e muore interamente ma soltanto qui e là, dove c’è incapacità di rinnovamento.
    Purtroppo la dolcezza, in questa società di superficie (leggi di merda), è qualcosa che può manifestare solo la donna che non ha più paura di sfigurare, di essere considerata una perdente.
    “Il Dio del patriarcato sta agonizzando” soprattutto perché non esiste più un nucleo parentale che si rispecchia nella famiglia di tipo tradizionale. Infatti qual’è la donna di oggi che ambisce a fare la casalinga come attività? Ma il fatto che, a volte, pur di non lavorare in casa una donna preferisce accettare lavori malpagati ed usuranti, consiglierebbe un ripensamento.
    Riguardo alle “danze di sabba delle nuove streghe”, in diversi casi, ho potuto personalmente constatare che esse sono veramente vincenti solo se possiedono un buon equilibrio energetico, che ottengono grazie al fatto che hanno al loro fianco un uomo comunque vincente, se non altrettanto.
    ” Donna può custodire, trasformare, ribaltare la Vita, può tutto: ha l’utero!” e “Che ognuno sia libero di essere come vuole essere!”. Sono d’accordo al 100% ma a patto che non si faccia consigliare dal diavolo, altrimenti sono cavoli amari.
    “A volte sembra che siamo tutti travolti come fiamme al vento …” In effetti opporsi ai condizionamenti in maniera unilaterale non funziona, occorre infatti imparare a liberarsene senza patire la privazione. E qui si deve agire dentro se stessi attraverso l’amore, la preghiera e la fede. La strada maestra per sovrastare i condizionamenti, a mio parere, non è riprendere il proprio potere, l’antico potere matriarcale ma, contrariamente, disfarsi di qualsiasi potere, per acquistare sempre più libertà.
    “Fuori dai dogmi, prescrizioni e divieti”. Sono d’accordo al 100% ma questo non significa trasgredirli ma non averne alcun timore. La via maestra per raggiungere questi traguardi è sempre l’amore. Sì perché l’Amore non fa mai male né a se stessi né a chi si ama. Ad amare seriamente non si sbaglia mai.
    “Le donne sono di più del loro grande sesso.”. Certamente sono di più se possiedono una grande intelligenza del cuore. Senza questa qualità io non riesco neppure ad immaginare cosa si possa essere, se non un diavolo. L’intelligenza del cuore, per me, è tutto in una persona.
    Quanto alla vagina, fonte di piacere, non è un organo che normalmente usa la donna ma l’eventuale partner, perché se non la dona non può trarne piacere. E qui si torna all’intelligenza del cuore, chi ce l’ha sa amare e quindi anche accogliere, al momento giusto, per donare e ricevere piacere.
    “Le Donne hanno una conformazione biologica ed energetica molto precisa e potente.”. Condivido con Silvia la questione sciamani Toltechi che mancavano di cuore. Infatti non è l’energia in quanto tale che va coltivata ma un energia specifica, quella del cuore. È l’amore che va coltivato, tanto più che chi ama e accetta di essere amato non si svuota mai di energia.
    “In questo momento cosmico” se l’umanità vuole evolversi deve liberarsi della catena che la tiene costantemente legata ad un palo e che la costringe a girarci intorno. Tutti gli individui hanno una catena e più fortunati ce l’hanno più lunga degli altri ma che non s’illudano di essere liberi, perché ciò che rende veramente liberi è la capacità di amare. Ma noi, spesso, non sappiamo amare, non sappiamo neppure ricambiare l’amore di chi ci ama veramente, tanta è la paura di amare. Per “conquistare” il mondo serve che le donne (ma anche gli uomini) coltivino l’intelligenza affettiva. Serve che seguano la via dell’amore disegnata da Gesù oltre 2000 anni fa, seguita da pochissimi. Perché solo l’Amore spezza le catene del male.