fbpx

L’Arte di Sognare Reale: Simona Pagani Galbusera

L’Arte di Sognare Reale: Simona Pagani Galbusera

L’Arte di Sognare Reale: Simona Pagani Galbusera 1593 748 Silvia Pedri

Temeva di non avere un posto nel mondo. Allora se lo è inventato. E adesso, attraverso le sue competenze, le sue creazioni e la sua sensibilità fuori dall’ordinario, illumina e sostiene le persone nel loro essere se stesse, in modo unico.

Le donne che ospito in questo ciclo insegnano l’arte di Sognare Reale.
Sono donne comuni e sono anche donne speciali. Hanno un sorriso e uno sguardo limpidi e radiosi. Sono fuori dagli schemi ma non fuori dal mondo. Sono felicemente integrate nel loro mondo. Sono fuori dal vecchio mondo. Sono se stesse. Audacemente, consapevolmente.
Nel loro piccolo, sono donne che incarnano il mio ideale di rivoluzione femminile. Si sono formate, con amore e dedizione, da sole e alle migliori scuole, e poi fanno quello che gli pare come gli pare, e ci riescono. Hanno avuto coraggio. O forse erano troppo più grandi dei piccoli schemi di oggi e dovevano per forza trovare il modo.
Come tutte le Donne, sono canalizzatori e trasformatori di luce, colore e ispirazione, di emozioni e spiritualità.
Sono individui autonomi ma niente affatto solitari (e non necessariamente autosufficienti in tutto). Hanno radici che affondano nella terra. Ma anche si estendono ed espandono in lungo e in largo nello spazio…
Personalmente le ringrazio di essere quello che sono e di avere collaborato con me.
Grazie a Silvia, Cinzia, Francesca e Monika, già intervistate nei precedenti appuntamenti di questa rubrica, e a Simona, protagonista di questo appuntamento.

***
Simona Pagani Galbusera – Protagonista di questa intervista

Simona Pagani Galbusera - L'Arte di Sognare Reale
Riusciresti a definire: – la Donna che sei e – il Sogno che stai realizzando
?
Non so se posso definirmi, sono semplicemente una persona che non riesce a stare negli schemi, da quando sono piccola, e per questo cerca, per sé, una strada differente, forse al di fuori degli schemi costituiti e generalmente incoraggiati, le strade già segnate. Non è stato facile e non lo è a volte nemmeno ora, ma mi ha insegnato molte cose. Ho dovuto cercare percorsi miei alternativi che mi permettessero di seguire quello che sentivo come importante per me. In tutto questo ho anche fatto vari percorsi, per cercare strumenti che mi aiutassero a sentirmi bene, e formazioni per approfondire, cosa per me fondamentale, e poi per entusiasmo ho cominciato a parlarne e condividere, e così è nato il mio Sogno…

Attraverso quali magie hai costruito concretamente il tuo Sogno?
Da sempre sono attratta dalla magia della luce e del colore e dall’interesse nelle storie delle persone. Inizialmente ho cominciato come fotografa presso il Superstudio 13 di Milano, poi ho scoperto che potevo far rientrare nella mia vita la magia del colore, fella Luce e delle persone anche attraverso altro e così nel 98 ho cominciato il mio primo percorso di studio delle energie sottili, due anni di una scuola di naturopatia ad indirizzo energetico e poi è arrivato il percorso alchemico, con un Maestro francese a cui devo molto, e contemporaneamente la magia del colore di Aura-Soma, un sistema che lavora per aiutarci a ricordare chi siamo e a ‘rimetterci insieme’ (remember in inglese che può essere sinonimo di entrambe le cose) attraverso l’uso della simbologia del colore, dei numeri e delle energie sottili di cristalli e piante.
Tanti strumenti e tecniche, numerologia esoterica, il suono delle campane di cristallo e ancora alchimia solo per citarne qualcuno, fino all’incontro magico nel 2010 con il ThetaHealing che è stato quello che mi ha fatto capire come era possibile ‘fondere’ tutto insieme per creare veramente la pronta realtà.

Come lui ha costruito te?
Plasmandomi man mano per permettermi sempre di più di comprenderlo, seguirlo, realizzarlo. E continuare così a poter scoprire le come aiutare e scoprire me stessa e di conseguenza poter consigliare gli altri su come trovare se stessi ricordando la propria essenza e potendo poi esprimerla cambiando quegli aspetti di sé e della propria vita che non sentiamo più nostri.

Come è nato?
Forse è nato con me, o forse prima, sono sempre stata un’osservatrice delle persone con la curiosità di capire cosa li aveva portati ad essere quello che mostravano, e inizialmente li fotografavo.

Come è evoluto?
L’evoluzione per me più sorprendente è stata quella delle Matrici, per come sono ora. Uno strumento che in automatico ci permette di lavorare su noi stessi, tramite risonanza, solo indossandolo, tenendolo nel nostro campo energetico. Avevo iniziato a farle nel 2008, come matrici, e non più solo orgonite, ma la vera svolta è stata quando nel 2017 ho iniziato a lavorare sul Set di Manifestazione. Volevo fare solo una matrice che potesse aiutare nel poter manifestare, portare nella concretezza, e invece ne è nato un vero e proprio discorso che continua ancora oggi, con sempre più step, ogni matrice come un passo successivo che ci permette di lavorare sempre di più sui blocchi maggiori che abbiamo rispetto al poter creare la vita due desideriamo, a partire dallo stare bene.

È sempre stato uguale a se stesso? È sempre stato uguale a te?
È in continua evoluzione, intanto perché la svolta delle matrici per come sono diventate ora, è stato qualcosa di totalmente inaspettato e ancora di più il vedere come sta aiutando molte persone, non più solo chi viene a fare corsi da me o le persone che seguo con le sedute individuali ma anche persone che usano solo loro. E ho una profonda gratitudine tutte le volte che ricevo feedback entusiasti. Il mio Sogno è uguale a me perché anch’io non so mai come sarò domani!

Che Senso ha? Che cosa porta a te e a chi ne usufruisce? Quale moto del cuore soddisfa?
Sentire che delle persone si sentono supportate e riescono a migliorare gli aspetti della loro vita con qualcosa che ho fatto io mi fa sentire un grande stupore perché i risultati sono incredibili a volte e al tempo stesso infinita gratitudine, e le stesse cose le applico su di me, sono la prima ad usare le matrici per continuare i miei lavori in corso e poter così continuare a lavorare su me stessa.

Quale è l’aspetto al quale non hai mai potuto/voluto rinunciare, sul quale fin dall’inizio non transigevi e che ti ha sempre caratterizzato?
La libertà di seguire quello che sentivo e la mia testa, senza farmi imporre pensieri e comportamenti, e ci sono molti in questo ambiente che vorrebbero creare dei cloni… Ecco non mi piace creare dipendenza ma anzi poter lavorare e seguire persone che hanno voglia di tirar fuori la loro essenza e se stessi e non soffocare la propria personalità per adattarsi a quello che ti viene detto di fare. Ognuno ha la sua personale esperienza di cui possono beneficiare tutti gli altri senza doverli andare a reprimere o soffocare.

Quale è, all’opposto, l’aspetto che ti ha sorpreso?
Mi sorprende e affascina sia il poter entrare in contatto con le persone e le loro storie sia poter dal nulla dar vita ad un oggetto che sta aiutando molte persone. E mi stupisce sempre trovarmi in situazioni che ho già vissuto e scoprirmi diversa, più me stessa, senza più le paure che avevo.

Quale è la dote che ha salvato la vita a te?
Il mio parlare alla Luna ed essere fuori di testa.
Ho scoperto molto dopo che aveva molto più senso di quello che poteva sembrare

Quale è la dote che ha salvato la vita al tuo Sogno?
Il saper sentire.

Come si fa a riconoscere quale è il nostro Sogno?
Sempre il saper sentire e ascoltare, ma anche fare silenzio per trovarsi.. poi forse un consiglio.. spesso il nostro sogno, che considero anche una sorta di proposito dell’anima è qualcosa che all’inizio rifiutiamo, non vogliamo riconoscere o accettare, fino a quando non lo comprendiamo veramente.

Come si fa ad amarlo, rispettarlo e onorarlo, finché morte non ci separi da Lui?
Non puoi fare altro. Nulla ti può separare da una parte di te

E soprattutto come si fa ad andarci sempre d’accordo?
Questo non penso sia possibile! È un dialogo continuo, spesso anche una discussione costante, una lotta tra il fare e il non voler seguire nulla per poi capire che il segreto sta nell’affidarsi. Ma spesso si litiga comunque.

Per info sul lavoro di Simona Pagani Galbusera:
Creailtuomondo.it 
Ritornoadavalon.it

Leggi anche questo articolo a cui ha partecipato Simona: Il Kamasutra dei Desideri

 

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’arte di Sognare Reale
    Amo i Sogni, tutti, anche i sogni altrui. Soprattutto quando si sviluppano intorno a Bellezza e Amore, Dei a cui personalmente sono molto devota. Due artiste-non-solo-artiste hanno raccolto la mia sfi...
  • L’Arte di Sognare Reale: Francesca Lilith Miceli
    Lei dal colore si lascia attraversare: lo rappresenta col corpo e con le mani, lo condivide con tante altre donne che come lei vogliono continuare a crescere sperimentando e sperimentandosi…Le donne c...
  • L’Arte di Sognare Reale: Monika Hricko
    Lei il colore lo cavalca, “cavalca la tigre”, come si dice nella tradizione tantrica, dipinge la natura selvaggia e urbana che lei è, trasmette questa energia fresca e intensa a chiunque voglia…Le don...
  • La Rivoluzione Femminile siamo Noi
    La Rivoluzione della Donna parte dalla Donna, dal suo essere Donna.Non uguale all’uomo, non opposta o contrapposta. Se non ha spazio nelle strutture fatte a misura di maschio e gelosamente dominate da...
  • Bellezza femminile senza età | Meditazione
    Con “Bellezza femminile senza età", ho preparato e ti metto a disposizione una meditazione per sentirti  attraente, affascinante e in sintonia con il Flusso della Vita e dello Spirito.È una meditazion...

Silvia Pedri

Silvia Pedri

Silvia Pedri è una libera esploratrice e comunicatrice. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale e una Pagina Facebook con 15.000 fan (2020). Offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi saggi e poesie, mp3 di musica e di meditazioni, e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta.

Tutti gli articoli di: Silvia Pedri