fbpx

Estate tempo di aria aperta e movimento. Primavera no. L’estate invece sembra che riceva il benestare di tutte le autorità più autorevoli e possa fare il bello e il cattivo tempo e noi con lei.

Possiamo allenarci. Possiamo rinforzarci.

Sarebbe bello incontrarsi, nel senso proprio di incontrare se stessi, fare finalmente la propria conoscenza, con calma, apertura e disponibilità, con curiosità, con piacere, con amore, e avere cura del proprio equilibrio, darci ciò che ci manca, rinforzarci laddove siamo deboli.
In questi giorni io sto facendo il sollevamento peso del senso di colpa dell’essere felici. Sembra un gioco di parole ma non lo è affatto.
La Gioia è leggera, beata lei, parente prossima della Beatitudine alata. La Felicità invece, a volte, pesa, è tanta roba, è imbarazzante, ingombrante, è disagevole. Non la si digerisce, non la si regge. È un fatto anche di abitudine. O più precisamente di fedeltà, fedeltà alle proprie abitudini, a se stessi, al proprio clan famigliare o amicale…

Vuoi ricevere i miei articoli in anteprima sul tuo smartphone? Iscriviti al mio canale Telegram cliccando qui. In più, per te, ogni giorno, molti altri contenuti esclusivi e gratuiti, audio e video, per rendere la tua vita un’opera d’arte.

Mentre stavo colorando il mandala della Farfalla, mentre le ali stavano nascendo dispiegandosi colore dopo colore e fremevano in giochi di movimenti di volumi tensioni e profondità… io ero tutta un tormento, imbozzolata e contorta nel mio verminoso e vergognoso disagio.
Finalmente. Finalmente ero riuscita a ritagliarmi un tempo solo per ciò che più desideravo fare e avevo preparato e programmato da tanto. Ero lì nell’ambiente giusto, temperatura giusta, luce giusta, silenzio o musica. Colore. Sperimentazione, esplorazione. Creazione. Nascita. Farfalla. Per un sacro ritaglio di tempo, ero finalmente fuori dal devo-devo.
Non ero abituata. Non riuscivo a starci.

Reggere il senso di colpa di essere felice - Silvia Pedri
Copyright @poetagoddess (No copyright infringement intended. Contact for issues or removal.)

La Farfalla nasceva tenace sotto le mie mani.

E anche io, tenace bruco, mesto e inconsapevole, stavo mutando, evolvendo. Perdevo il pelo e mi accorgevo del vizio. Mi dibattevo cieca nella speranza di trovare ali…

Questo è crescere, riconoscere i vizi, accorgersi, liberarsi, nascere. All’improvviso, il giorno dopo, ho capito. Non riuscivo ad accettare il costo, non avevo le palle e i muscoli per reggere il peso della mia Libertà, della meritata Felicità. Avevo sempre riempito le mie giornate di un devo-devo dopo l’altro, sistemati uno dopo l’altro appositamente in una sequenza tale che mi fosse impossibile eseguirla. Apposta. Così ero sicura che non avrei fatto quello che dovevo-dovevo e sarei rimasta con il costante, stabile, noto, affanno, il ronzio cacofonico, la vibrazione viscerale, costante, sorda e doloroso, il rumore di fondo del senso di colpa. Ma meglio il senso di colpa abituale, per non avere fatto abbastanza, per non essere abbastanza, che il senso di colpa, quello sì, oltraggioso, ingestibile, nuovo, per essere felice, per vivere semplicemente ogni momento al momento giusto nel posto giusto e godermelo.

Per un giorno sono rimasta nel mio bozzolo.

… e ogni parete del bozzolo mi rimandava un disagio diverso, mi rimbalzava sul muso la mia allergia alla Felicità, e ogni muro mi faceva sentire stretta e sciocca, tra i devo-devo e i voglio-voglio, in una danza frenetica in cui non si va mai a tempo e non si apprezza mai l’armonia perché l’armonia non c’è, si è fuori fase, fuori tempo presente.

Il giorno dopo mi accorsi che vedere per la prima volta, sentire su di sé, in modo semplice e crudo, per la prima volta, questa dinamica, aveva creato un distacco, una disidentificazione, una distanza, una nuova possibilità, una nuova libertà. Mi accorsi improvvisamente che ne ero fuori. Ero fuori da questo asfittico stupido bozzolo. Potevo muovermi. Potevo muovermi meglio, in sintonia, in armonia, nel pieno rispetto di me, di tutti i miei devo e di tutti i miei voglio.

E qualche giorno dopo fu un grande giorno. Arrivarono i colori professionali e mi consacrai al Leone e allora fu Festa e fu Forza e fu Amore e fu Sesso… Ma questa è un’altra storia! To be continued.


Quando un mandala si colora, finalmente si attiva, diventa un corpo vivo.
Questi mandala, da cui prendo ispirazione per questa serie di articoli, sono colorati seguendo l’ispirazione dello Spirito e dei colori che uso
.

Puoi anche acquistarli: scrivimi via mail cliccando qui se sei interessato.

Mandala farfalla - Silvia Pedri
Mandala farfalla - Silvia Pedri

Leggi anche gli altri articoli della serie dedicati ai mandala:
Orso: la tua Potenza la sua Protezione
Il Leone che ti Nutre
Lucertola, sogna per me!
La Lucertola ti fa abitare i tuoi Sogni


CONSIGLIATI PER TE

Bellezza Femminile senza età | Meditazione

Una meditazione per sentirti  attraente, affascinante e in sintonia con il Flusso della Vita e dello Spirito. Ogni parola di questa meditazione è misurata e controllata e posizionata in modo da essere efficace al massimo grado, sintetica ma esaustiva, così da creare concretamente tutte le condizioni per sentirti ogni giorno più bella ed elegante, a modo tuo.

Piena espressione di se stessi | Meditazione

Un viaggio sciamanico profondo che va valorizzato in momenti di tranquillità, solitudine e concentrazione.
Abbandonati al suo potere e ti darà grandi risultati. La meditazione è infatti pensata per rendere la tua creatività fertile e meravigliosa, sviluppare una comunicazione efficace e ricevere l’energia spirituale di amore puro che ti renderà un’opera d’arte magnifica, magnetica e fertile.

Author

Silvia Pedri esplora la vita liberamente e la comunica in modi artistici. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale e una Pagina Facebook con 16.000 fan (2021). Offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi, saggi e poesie, crea mp3 di musica e di meditazioni e video in cui recita se stessa ed eventualmente canta. Se vuoi sapere di più su esperienze e competenze, clicca sull'icona di LinkedIn.

1 Comment

  1. Devo ammettere che m’incanto sempre nel leggere gli scritti di Silvia Pedri, non solo per la sua padronanza linguistica che è veramente notevole ma soprattutto perché è imprevedibile, non sai mai che cosa scriverà nella riga successiva.
    L’argomento di questa volta è il senso di colpa, che effettivamente può colpire sia la donna cicala che la quella formica. La prima perché si è presa la libertà di fare ciò che desiderava, magari da tanto tempo, e ha trascurato il dovere e la seconda perché con tutto il lavoro che ogni giorno ha da fare non riesce mai a finirlo tutto.
    Ma qui Silvia ci stupisce nuovamente, perché nella sua agenda ci mette appositamente così tanta roba che è impossibile sistemarla tutta. Provate a pensare ad una donna che vorrebbe fare entrare il suo intero guardaroba in una sola valigia. Impossibile. Ma in questo modo lei ha la possibilità di sistemare ciò che più le aggrada e di lasciare indietro le cose che non le danno gioia. Semplicemente geniale!

Write A Comment

Chiudi il Popup
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi in omaggio la meditazione guidata "Fiorire a nuova vita". Che aspetti?
Chiudi il Popup
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi in omaggio la meditazione guidata "Fiorire a nuova vita". Che aspetti?