fbpx

Non ne hai abbastanza? Io dico che ne abbiamo anche troppo. Incontenibile. Ingestibile…
È ora di finirla.

Se già non hai capito hai un’altra opportunità. Se non capisci bene devi fare esperienza, sentirlo con tutto te stesso, sentire il bene e sentire il male, riconoscere la differenza. Se non sei oltre stai lì. Attraversa la vita. Poi saprai. Poi mi dirai. Poi sarai libero. Se non sei solido devi crollare. Se non hai imparato devi rifare. Così gli orientali considerano il percorso dell’anima attraverso la vita e le vite. Nessuna punizione per gli errori o le mancanze. Solo esperienza in funzione di apprendimento in funzione di Liberazione. È una Legge Naturale. È solo un naturale fluire dell’energia da male a male e poi da male a bene e poi da bene a bene, per movimenti di causa ed effetto, con un unico Fine.
Stiamo ora attraversando un particolare momento in cui l’umanità e il singolo sono impantanati in una congestione energetica senza precedenti, o meglio con precedenti molto antichi, una congestione di karma da diluvio universale.

Iscriviti al mio canale Telegram!
Fuori da censura. Strumenti spirituali e materiali esclusivi.
Stai con me. Insieme gioiamo. Insieme vinciamo. Insieme cresciamo, insieme CREIAMO. Spargiamo e coltiviamo semi di Vita.
Entra anche tu a far parte del mio canale Telegram: ricevi i miei contenuti direttamente sul tuo smartphone e commentali insieme a me con la nuova funzione Chat!
In alternativa, iscriviti alla mia mailing list per ricevere i miei aggiornamenti settimanali via email.

Ordini assurdi, contrari alla vita, che da due anni a questa parte ci vengono imposti con la forza, o la minaccia, o il ricatto, o l’inganno.
L’Italia si direbbe in una condizione privilegiata, particolarmente intensa e serrata. Ma tutto il mondo è contagiato dal male oscuro, dalla morte dilagante, da ingiunzioni di morte, da uno stato di terrore ben somministrato, ben amministrato. Emergenza permanente.
È solo un reality show, è una farsa ridicola. Ma dal nostro comportamento dipende seriamente, veramente, ogni cosa, la salvezza del nostro presente, la salvezza del nostro futuro, dei nostri figli, dei nostri sogni, dei nostri valori, della nostra anima e del suo attuale tempio che è il nostro corpo. È solo un gioco di ruolo. Ma la nostra esistenza e le nostre esistenze non sono proprio questo? Un gioco di ruolo. Assumi questo vestito di carne e personalità. E fai vedere (a te stesso) chi sei.
Che cosa ne fai della tua vita? Come attraversi la luce e il buio, come riconosci la Luce dal Buio, dove scegli di stare, e perché.
Io, personalmente, scelgo la Luce perché la mia anima per crescere ha bisogno di quello, perché in questa e in altre vite la mia anima ha fatto il pieno di dolore e sofferenza e adesso ci sta attenta a non nutrirsi di sangue, a restare, piuttosto, candida e centrata in mezzo al sangue.
Possiamo mettere in game over il gioco, ora, se ci rendiamo conto di quanto è assurdo e ne ridiamo e non partecipiamo.
Riderne non è un modo di prendere sottogamba la sua gravità e la sua sacralità, la sua necessità e le prove a cui ci sottopone. Ma è sentire che in questo sconvolgimento noi siamo fermi e imperturbabili perciò siamo i vincitori, abbiamo già vinto, già incarnato la nostra personale vittoria. Queste assurdità queste atrocità vanno viste in tutta la loro abissale stupidità. Ci appartengono forse? Noi apparteniamo a loro? Ci siamo dentro ma non ci riguardano.

Ascolta questo articolo in formato podcast sul mio Canale Spotify!


Ad esempio, oggi 08 marzo 2022 ho scritto a una mia amica, giustamente sensibile ai venti dell’attualità, e spaventata dal razzismo imperante: “Abbiamo vissuto fuori legge senza fare violenza su nessuno obbligandolo o a vaccinarsi o de-vaccinarsi vivremo altrettanto bene e altrettanto fuori legge senza fare violenza a nessuno di nessuna etnia. Non spariamo sui civili. Non spariamo su noi stessi.”
Attraversiamo l’orrore in punta di piedi ma con passo sicuro, sicuri di non appartenervi. Noi apparteniamo a noi stessi, alla nostra morale, o, per essere più corretti e precisi, alla nostra etica. La moralità è la scienza dei mores (in latino), i costumi, la modalità corrente. L’etica è l’arte del comportamento (da ethos, in greco). Quale comportamento TU SCEGLI di adottare? Quale ritieni il più adeguato ed efficace in ogni situazione, quale ti piace, che cosa faresti all’altro e faresti a te stesso, quale comportamento ti fa male, quale ti fa bene.
È anche, semplicemente, una questione di amor proprio. Non c’è bisogno di ubbidire a complesse legislazioni. Fai la cosa giusta.
Il Bene, il benessere, non è mai egoistico: è radicato nell’Armonia e nella relazione, nell’armonia della relazione.
E questo tutti lo sanno, tutti lo possono capire benissimo, se osservano la vita, come si muove la vita fuori e dentro di loro. 
Come avevano discusso i Greci attraverso la loro tragedia Antigone, non è il caso di ubbidire a norme ingiuste se si sente che la propria anima ne viene corrotta o il proprio corpo contaminato. Il dubbio non si pone né a me né alla protagonista della pièce teatrale. Un tempo queste discussioni sfioravano i ragazzi a scuola perché la letteratura e la filosofia facevano ancora parte integrante dell’istruzione. Ma si parla di secoli fa. Eh, un secolo fa. Poi sentire e pensare e creare sono stati messi al bando in quanto non produttivi, non produttivi secondo alcuni criteri a vantaggio di qualcuno, non di tutti.
Sono criteri con i quali concordi? Sono criteri ai quali acconsenti o accondiscendi?
Chiedo. Può essere importante. La rivoluzione nasce DENTRO. E se il mondo di fuori non ti piace forse c’è qualcosa da rivoluzionare. Secondo me, diverse cosette. In ogni caso è bene che tu lo sappia: è bene che tu sappia che cosa ti piace o non ti piace.

Un Karma di Troppo. È ora di finirla + Silvia Pedri
No copyright infringement intended. DM for credits or removal.

Stavo parlando di karma, all’inizio di questo articolo. Non è un caso che sia un concetto tenuto in considerazione in oriente mentre in occidente non esiste nemmeno la parola, e proprio l’occidente adesso è imprigionato e torturato all’interno del suo proprio karma, sommerso e travolto e spazzato via. Finché non lo vede il suo karma.
Finché non ne esce.
Fino a che non lo trasforma.
Per capire di quale karma sto parlando basta osservare gli effetti del karma stesso. Manipolazione. Violenza. Menzogna. Con questo abbiamo a che fare. Di questo siamo vittime o carnefici. Questo dobbiamo sperimentare per conoscere o riconoscere. Con questo abbiamo a che fare fuori e dentro di noi. Evidentemente non abbiamo capito bene che cosa sono. Conosciamo le parole ma non il loro significato. E spesso quando lo vedevamo manifestato nella realtà questo significato non ci faceva né caldo né freddo. Perché non ci riguardava.
Tenevamo il coltello dalla parte del manico. Non ci poteva fare male. Non ci poteva insegnare.
Non riuscivamo ad avere compassione per coloro che, in varia misura, noi manipolavamo.
ORA, di noi stessi, sventrati e torturati vivi e lasciati morire di fame al freddo e al buio (almeno queste le intenzioni dei governanti del mondo), ora noi riusciamo ad avere compassione?
Quando vediamo i nostri giovani o i nostri vecchi, ingannati e traditi, morire abbandonati nella disperazione riusciamo a capire di che cosa stiamo parlando quando parliamo di manipolazione?
Le nostre anime sono stufe di aspettare di dibattersi nella miseria. Volevamo imparare. Questa è finalmente l’occasione. Il Karma è arrivato. Tutto intero. Per tutti, come umanità, come civiltà, come individui. Tutto intero. Pure troppo.

Florencio Anton, professore universitario a Bahia e uno dei più straordinari medium al mondo, alla domanda di Christine Buettner “Cosa consiglia a ogni persona come pratica per portare le capacità intuitiva a un livello più consapevole e performativo?” risponde “Sentire compassione, sentire il dolore dell’altro.” (fine febbraio 2022).
Sembra un paradosso. Si parla di mente… E invece è una ovvietà. Ma certo, infatti si parla di Spirito in realtà. Compassione. Così evolve l’essere umano. Così si protegge da qualsiasi influenza negativa manifesta o occulta. Così si anima si motiva si fortifica. Così espande e affina la sua intelligenza e il suo intuito, e la percezione della realtà. Così può stare nel mondo, più o meno felicemente, sempre più felicemente, candido, centrato, forte, dignitoso. Così può evolvere.

Puoi stare nel mondo con la lucidità di chi sa chi è e quale è il suo posto. Puoi non contribuire al perpetrare di violenza manipolazione menzogna. Puoi dissociartene e scegliere il tuo comportamento, ethos, etica. Il karma si crea col comportamento e col comportamento, un comportamento diverso, si scioglie.
Puoi esercitarti nella inclusione invece che nella divisione, nell’amore invece che nell’odio, nel rispetto invece che nell’induzione del tuo volere, nella valorizzazione e nel riconoscimento dell’altro invece che nel disprezzo e nella denigrazione.
Chi non ha sentito pensato agito in maniera denigratoria o sprezzante, lungo questi ultimi due anni!?
Chi ha rispettato e accolto la diversità, con curiosità, considerazione, gentilezza, in questi ultimi due anni!?
Sei sicuro di poterti collocare tra “I Giusti”? Non sei stufo di sentirti Buono?
L’insegnante di liceo della figlia di una mia amica, per ossequio alle leggi o al pensiero comune, per pigrizia o per vanità, non lo so, discrimina i non vaccinati. Non solo. Insinua anche che, in virtù della loro eccentrica condizione, è inevitabile che vedano vacillare le loro facoltà mentali. Questa vicenda mi ha impressionato tantissimo. Non tanto per l’immoralità e la stupidità intrinseche. Ma soprattutto perché la folle signora ha espresso esattamente la convinzione che segretamente ho sempre avuto io nei confronti di coloro che, volenti o nolenti, hanno compromesso la loro integrità fisica, in modi che possiamo immaginare. Mi è sembrato uno specchio. E mi è sembrato che la mia immagine in questo specchio non ne uscisse tanto bene.
Pochi giorni fa, rilevando con una amica lo scarso successo di un mio articolo, ho commentato con rammarico: “Della propria salute interessa poco alle persone. È un peccato. Triste. Ci rimettiamo tutti. Ogni relazione e collaborazione resta opaca e faticosa.” Vero. Brava. Brava Silvia. Ore dopo, questo mio commento risuonava ancora in me e non suonava bene e non capivo il perché. Poi ho capito che di stonato c’era lo spirito con cui lo avevo scritto, la convinzione che sarebbe più bello buono e giusto e più comodo per me e i miei interessi se tutte le persone facessero come faccio io e come voglio io, sarebbe sicuramente meglio per loro e per l’umanità intera… Ahah. E in un attimo ho ripercorso due anni di lotte fratricide tra “vax” e “novax”. Ma i novax non erano i Buoni? quelli inclusivi, i santi, quelli che non forzano non obbligano non inducono a fare nulla, chiedono solo rispetto e libertà… Pace. 
La Pace è dentro. Dovrebbe esserlo. Dovremmo fare in modo che ci fosse. Armonia e integrazione, pace e perdono DENTRO di noi.
Se siamo avidi e ostili che cosa pensiamo si riverberi nel mondo attraverso il nostro sentire e attraverso il nostro fare?

No alla guerra! Si dice oggi.
Istituiamo il minuto di odio, si diceva il secolo scorso (e allora era immaginazione) nel romanzo fantascientifico di Orwell.
No alla guerra, si dice oggi! Odia il tuo fratello! Boicottalo, eliminalo, distruggilo.
Ma cos’è? una barzelletta!?
Come le barzellette sui vegani che, per amore per indignazione anzi per odio, ucciderebbero i cacciatori?
Non hai ancora capito che non puoi combattere l’odio con l’odio? L’odio uccide. Prima di tutto uccide te stesso che lo provi.
Provare per credere. 😉
Non l’hai ancora capito osservando tutti i tuoi dolori passati di questa e altre vite??
Non l’hai ancora capito osservandoti intorno?
Perfino le arti marziali combattono e abbattono l’avversario assecondandolo, includendolo, integrando le sue spinte aggressive. Così si dovrebbe fare anche noi, fuori e dentro di noi. È legge di Natura.
Non l’hai ancora capito?
Allora avrai modo di sperimentare ulteriormente il concetto!
Saprai cosa si prova, saprai come si è, a essere odiatori e a essere odiati. Distrutti.

Un Karma di Troppo. È ora di finirla + Silvia Pedri

No copyright infringement intended. DM for credits or removal.

L’Umanità è in questo Karma sommersa e devastata da tsunami di Menzogna.
Dal 2020 tutto ciò che ci è stato comunicato è sempre stato falso in modo madornale, plateale, ridicolo e assurdo. Eppure, efficace. Evidentemente la maggioranza della popolazione non conosce ancora la menzogna, non la sa riconoscere, non sa che cosa è, che cosa comporta. Allora ne deve fare esperienza, cadere vittima.
Il mondo è sommerso e rivoltato da uno tsunami di karma, il suo karma, il suo karma di sangue di tutti i popoli che sono stati ingannati e annientati. Per questioni di piccolo interessa personale. Quante civiltà, dai pellerossa ai tibetani, sono finite sepolte nel sangue? Tradite e ingannate e poi sterminate. Non ho memoria di tutte. Abbiamo perso il conto. E che dire poi delle streghe o delle minoranze religiose o degli eretici… Quanti sacrilegi! Non stupisce che tutta l’umanità sia coinvolta nelle vergogne odierne. Non stupisce che tutti ne patiscano. Non stupisce che tutti ne abbiamo, personalmente o collettivamente, sporche le mani.
Ma non abbiamo ancora imparato che cosa significa. E allora dobbiamo prenderne un altro po’.   
Non conosciamo il valore dell’empatia e nemmeno del rispetto.
Non conosciamo il valore dell’onestà e della lealtà.
Non li conosciamo. Altrimenti rispetteremmo gli impegni presi, manterremmo la parola data, diremmo sempre la verità anche nelle situazioni più delicate e spiacevoli. Perché così è giusto, così conviene, così è legge di natura.
Chi di noi non ha mai pensieri o addirittura azioni in cui approfitta del tempo o dell’energia altrui, in cui manipola gli altri a suo vantaggio. Consapevolmente magari.
Sopravviviamo grazie alle menzogne.
Prosperiamo grazie alle menzogne.
Siamo fieri della nostra furbizia nel sapere gestire le menzogne a nostro vantaggio.
Stiamo finendo come specie e come individui, schiacciati e stritolati sotto il karico del karma della Menzogna.

Ce ne accorgeremo?
Ne vuoi un altro po’?
Non ne hai abbastanza? Io dico che ne abbiamo anche troppo.
È ora di finirla.
Da oggi.
A partire da Te.
A partire da Me.


Questo è un articolo molto audace, per il contenuto e per la lunghezza. 😉
Fammi sapere che cosa ne pensi.
Intanto io ti lascio con una delle più belle preghiere di tutti i tempi e secondo me la più pertinente a questi Tempi di Grande Rinnovamento.

Eterno, incomprensibile Signore dell’Universo
Spirito d’Amore Divino;
che tutto abbraccia e tutto compenetra,
che dimori in tutti i cuori
e hai il tuo Tempio e il tuo Trono
anche nel mio corpo,
a Te affido me stesso,
affinché sparisca
l’errore del mio egoismo
e io mi risvegli alla Vera Vita.
Dammi la Forza di essere sempre pronto
per ricevere la Luce Divina della Conoscenza
affinché da essa il mio intelletto si illumini:
Scambia il mio intelletto limitato,
traviato dalle illusioni sensorie
che trattengono l’apparenza per realtà,
con la tua Saggezza Divina,
e fammi conoscere la Tua Immortalità
nella mia anima,
affinché la Verità trionfi sulla menzogna.
Lascia che attraverso la Tua Potenza
io acquisti la Forza di dominare
la mia natura e vincere le sue debolezze
Dammi la Volontà di far fiorire
E sviluppare nel mio cuore
I fiori di loto della Conoscenza Divina.
Dio, che nella tua essenza sei la Pace stessa,
fa’ che io possa trovare la Pace e che,
liberandomi della mia inquietudine,
io possa entrare nella vera Armonia.
Lasciami trovare la mia pace nella Tua,
la mia forza nella tua Potenza,
la mia felicità nella tua Gloria.
Come scintilla nella fiamma diventa luce,
così lascia che l’esser mio in Te arda
affinché il mio egoismo sparisca.
La Saggezza Tua sia la mia conoscenza,
l’Amore Tuo sia il mio amore,
Tu Stesso sii in me
E io tutto in Te
Riconoscendo me in Te
E Te in Me.
In Eterno.
Amen.

(Rudolf Steiner)

Se ritieni che il mio spirito e le mie opere siano strumenti ispiranti e creativi, utili, condividili con i tuoi amici o iscriviti al mio canale Telegram e alla mia Newsletter!
Di questi Tempi è importante restare sempre in contatto.

Author

Silvia Pedri esplora la vita liberamente e ne comunica la potenza in modi artistici. Frequenta temi spirituali con esperienza e padronanza. Gestisce un blog di crescita personale, offre consulti, scrive, dipinge, fotografa, autoproduce ebook di romanzi, saggi e poesie, crea mp3 di musica e di meditazioni e crea video in cui recita e canta. Se vuoi sapere di più sulle sue competenze, clicca sull'icona di LinkedIn.

Write A Comment

Chiudi il Popup
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi in omaggio la meditazione guidata "Fiorire a Nuova Vita". Che aspetti?
Chiudi il Popup
Iscriviti alla Newsletter
Ricevi in omaggio la meditazione guidata "Fiorire a nuova vita". Che aspetti?