fbpx

creatività

Quando il Successo è maturo

Quando il Successo è maturo 1003 537 Silvia Pedri

Quando il frutto è maturo…

If you can dream it you can do it
Walt Disney

Il successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. “Massì! Ho capito…” Se riesci a vederlo nell’immaginazione, tutto quello che si immagina lo si può fare e lo si farà. Ciò che senti è ciò che SEI. È la promessa che hai fatto alla tua Anima e che la tua Anima ha fatto a te.

 

tartaruga e freesbe vita

“Non c’è nulla da temere. Ogni seme sa come diventare albero.”
Jorge Bucay

Ma QUANDO? È quando non ti interessa più che accada, perché significa che l’hai già dentro di te, l’hai già realizzato a livello energetico, maturato, prodotto e digerito.
No, non è consentito nessun attaccamento al risultato. Quando gli impedimenti interiori sono svaniti, la via si apre facile e scorrevole.

Nel Vangelo apocrifo di Tommaso i discepoli chiedono a Gesù:
QUANDO arriverà il Regno?”
“Non verrà se lo aspettate. Il Regno del Padre è diffuso su tutta la terra, e gli uomini non lo vedono.”

Altrove si legge: “Il Regno è dentro e fuori di voi. Quando conoscerete voi stessi comprenderete di essere voi i figli del Padre.”

Il “Regno” si costruisce a partire dall’alchimia interiore, è lo stato di integrazione tra il sé inferiore o personalità e il Sé Superiore, o Anima. Il Regno è fuori di noi solo in quanto dentro di noi, solo se siamo pronti ad esserlo.

fragola tartaruga

 

Come trovare al più presto il tuo posto vero?
Senza affrettarti.

Chi si affretta si avvicina alla morte in avanti.
Chi ritarda si avvicina alla morte all’indietro.
Fra le due cose: l’eternità.
Chi agisce a tempo ignora la morte.

[Tratto da G. Mallasz, Dialoghi con l’angelo]

La via è quella di fare senza fare. Fare senza un io che si affanni nella preoccupazione di raggiungere qualcosa, fuori di noi. Noi è ciò che vorremmo raggiungere. Noi è ciò che vorremmo diventare. Noi è ciò che vorremmo realizzare. Siamo tutt’uno. Preoccupiamoci di essere noi stessi!

Il nostro destino è scritto nei nostri talenti e nei nostri desideri, dentro di noi.
Conosci, rispetta e onora ciò che sei! Ama, fai quello che ami. E non temere altro.

 

fragola-e-foto-tartaruga-nb19470

Fai un solo passo verso il Sé e il Sé farà due passi verso di te.”
Advaita Vedanta

 

La via per ricevere ciò che desideri è semplicemente sapere ciò che vuoi e sapere di essere degno di riceverlo e sapere che lo riceverai.
Amarsi significa fare tabula rasa per ricominciare da capo: eliminare il senso di colpa, perdonarsi per il male che abbiamo fatto, per il male che ci siamo fatti e per quello che ci siamo lasciati fare.
Il passato serve per essere capito, sentito, elaborato, e poi dimenticato.
Per essere liberi come appena nati o nati di nuovo.

Quando avrai energia sufficiente la tua memoria funzionerà benissimo.
dice Don Juan a Carlos Castaneda in “L’arte di sognare”.

Quello che puoi immaginare, quello che sai, potrai essere. Tutto ciò che sai puoi diventarlo. Conoscenza è energia, conoscenza è potere. Ma… Se il tuo livello di energia non è pari all’importanza di quel che sai potrai ben dire addio alla tua conoscenza: non riuscirai mai ad accedervi. L’energia tende ad essere cumulativa: se segui impeccabilmente la via del guerriero, giungerà il momento in cui la tua memoria si aprirà. Sii impeccabile.
Essere impeccabile significa mettere in riga la tua vita per sostenere le tue decisioni e poi fare molto di più del tuo meglio per mettere in atto quelle decisioni.

Rabbi Pinhas soleva dire “Ciò a cui si corre dietro non lo si ottiene; ma ciò che si lascia venire ci vola incontro. Apri la pancia a un grosso pesce e troverai i pesciolini con la testa all’ingiù.”
(M. Buber, I Racconti dei Hassidim)

Se ti preoccupi di non aver ricevuto abbastanza è perché non ti sei ancora concesso di renderti conto dei beni che hai e del Bene che sei, dello straordinario potere rivoluzionario che hai…

Fai spazio nel cuore per le cose che devono arrivare e stanno arrivando. Scopri con me come!

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...
  • Il senso della Felicità
    "LO SCIAMANESIMO è UNA VIA PER TROVARE IL SENSO DELLA VITA, NON LA FELICITA’."Questa è una frase bellissima. Anche questa è una bella propaganda. Fa sentire speciali, superiori perfino alla esigenza u...

Crescere nel cambiamento

Crescere nel cambiamento 955 604 Silvia Pedri

Sono qui per te. Sono qui per sostenerti nella tua crescita.

In Amore. In Libertà.

Che in ogni persona il quoziente di felicità cresca, progressivamente, e si stabilizzi sui massimi livelli è mia intenzione. Che le persone cambino non è mia intenzione.

Non sono io a decidere dove dovrebbero cambiare. Solo loro sanno che cosa è giusto per loro, solo la loro anima e il loro corpo lo sanno. Io sono la mia anima e il mio corpo. Non ho diritto di interferire, nemmeno su richiesta.  

Io gli apro gli occhi sulla loro Verità, li metto a contatto con la loro Forza.

Nessun giudizio, nessuna opinione, nessun condizionamento da parte mia. Non do ciò che non vorrei ricevere.

La prima cosa che cerco di dare è rispetto. Rispetto. Prendo chi vuole venire da me per quello che è e facciamo un pezzo di strada insieme. E impariamo ad apprezzarci.

Mi sintonizzo sulla loro ricerca, li guido, li contengo, li proteggo ma sono e restano liberi. Sono liberi di prendere dall’esperienza fatta insieme quello che vogliono e di usarlo come vogliono. Mi prendo cura di loro in modo che l’esperienza con me sia scoperta e nutrimento, e che possano prenderne il massimo. Come vivono quando escono dalla mia porta non è affar mio. Non voglio che siano migliori voglio che siano di più.

Le persone sono già nel punto giusto al momento giusto: è il punto della loro vita che stanno vivendo ora. Ma possono concedersi il tempo e il modo di sentirlo, per esserci davvero. Non è possibile giudicare se è bello o brutto. Ogni situazione è perfetta, è piena di vita e di bellezza, anche o soprattutto  quelle più turbolente. Possono essere mossi dal desiderio o dalla necessità di cambiamento ma in pratica non c’è alcun cambiamento che debbano fare. I cambiamenti avvengono da sé, in seguito alla maturazione naturale delle cose, della vita, dei frutti.

Si tratta ora solo di aprirsi e di lasciare entrare la luce e il calore. Richiede fiducia, coraggio e disponibilità al cambiamento. Come il cambiamento avverrà, è qualcosa di totalmente imperscrutabile e al di là della nostra portata. Dipenderà dalla nostra consapevolezza, che dipenderà dalla nostra natura. E noi non conosciamo mai veramente la nostra natura: si dispiega sotto i nostri occhi ogni giorno, meravigliandoci di come reagiamo agli eventi, che sono sempre nuovi… e noi sempre nuovi…

Siamo vivi, siamo in mutamento. Ci concediamo la quiete per accorgerci di dove siamo. E riprendere il viaggio.

Insieme.

. ———- Come faremo, lo sapremo giorno per giorno ———- .

 

Se il tuo desiderio di migliorare deriva dal tuo senso di inadeguatezza la prima cosa da migliorare è il tuo senso di (in)adeguatezza!
Poi puoi iniziare a goderti la vita.
Facendo sempre meglio le cose che ti piace fare. 😉

 


Mi ha stupito il mio insegnante quando, durante il corso di formazione in counseling terapie sistemiche energetiche e regressive, mi ha detto che in nessun modo imparavo velocemente quanto giocando.
Io non ho mai giocato in vita mia! Ero convinta di non sapere proprio prendere la vita come un gioco. E invece la Natura è più forte delle abitudini o delle convenzioni.
Ogni forma di apprendimento raggiunge il suo massimo successo attraverso il gioco.
Ogni esperienza è vissuta in totalità e pienezza, nel massimo coinvolgimento, per il massimo beneficio, se è vissuta con lo spirito del gioco.
Durante il corso intensivo di formazione, con simulazioni di ogni tipo, non ho potuto fare a meno di lasciarmi trascinare, di approfittare di questa straordinaria occasione con famelico desiderio, col massimo impegno e serietà, insomma giocando tutto il santo tempo!
È così che ogni mio approccio, col cliente che chiede consulenza o terapia, è diventato leggero e profondo, coinvolgente, sorprendente, sicuramente intenso, a volte drammatico, ma sempre entusiasmante e divertente… in una parola? giocoso!

Tutto è valorizzato dallo spirito del gioco. Nulla però si presta di più al senso di avventura sperimentazione e scoperta tipico del gioco delle terapie sistemiche.
Sono stata formata alle costellazioni familiari e sistemiche da molti anni di studio e pratica, con i primi e più importanti costellatori italiani ed europei.  Ho scoperto invece di recente l’opportunità di applicare queste conoscenze alle terapie individuali.
Evolutiva e terapeutica è qualsiasi cosa che espanda la visione, che crei consapevolezza, che attivi l’energia, che porti forza e armonia. Questo si ottiene con la sessione sistemica. Questo applicato a qualsiasi situazione dell’esistenza percepita come una trappola o sulla quale semplicemente si vorrebbe sperimentare una visione più chiara.
Di sperimentare si tratta. Attraverso precise regole del gioco, il mentale viene completamente bypassato. Si è fuori dalle convinzioni, fuori dalle convenzioni. Dentro, totalmente e solamente dentro a quello che è.

È possibile? E’ possibile. Ma molto di più. E’ entusiasmante. È stupefacente. È rivelatorio. È liberatorio.
È un vero gioco evolutivo, più o meno ambizioso a seconda delle ambizioni del giocatore.
La vita è un gioco.
Ogni tanto, cambia le regole! 😉

[Estratto da un mio articolo di prossima pubblicazione]

Scopri cosa posso fare per te: visita la pagina Parlami e scopri come possiamo crescere insieme.

—————-.–.—————-

dimmi-se-mi-ama-v2ok

Iscriviti alla mia newsletter e avrai subito in regalo l’ebook “Dimmi se mi ama: Questioni d’Amore”.
Storie straordinarie e comuni. Storie vere di persone coraggiose e sensibili. Come te.

Visita il mio shop: conosci le mie pubblicazioni e scopri in che modo possiamo crescere insieme!

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

La paura di vincere

La paura di vincere 667 445 Silvia Pedri

Chi non vince è perché ha paura di vincere. Preferisce di no. Grazie.

Fa di tutto. Lotta. Si strugge. Si tormenta. Sa quale è il suo bisogno. Sa quale è il suo Sogno. 
Lo contempla da lontano. Gli corre incontro. Inciampa. Incidente provvidenziale.
Si ferma. No, grazie. Non fai per me, Sogno. Meglio la malinconia meglio il rimpianto.

Chi vince è aperto alla vittoria, alla felicità. Non fa richieste impossibili (la garanzia perché non vengano esaudite). Non fa passi fuori misura, non va fuori strada (la garanzia per prendere facciate).
È nel suo cuore. Segue il suo cuore. Semplicemente.
È. Fa. Le cose succedono. Non possono non succedere le cose.

L’energia fluisce finché non incontra una diga. Allora e solo allora ristagna, congestiona, affligge, sfianca.
Si è pieni di emozione da scoppiare che neanche le lacrime ci danno sollievo. E tutto questo amore, l’energia per ciò che si ama e si desidera, qualsiasi cosa sia, si trasforma in dolore.
Si vernicia la diga con un sorriso.

Come stai? Bene, grazie.
Come stai? Sto fermo.
E non sto bene, fermo così.
Mi dò apparentemente un gran da fare. Ma è solo per stancarmi, per dimenticare ciò che mi sta a cuore. In fondo un desiderio è qualcosa che viene dalle stelle (latino: de-sidera), è qualcosa di lontano.

Ululo al mio Desiderio come un lupo alla luna.

E intanto l’energia si accumula. Imparo tante cose nel frattempo: divento più ricco più profondo più consapevole. A volte davvero cresco e raffino le mie acque interiori.
A volte queste, sempre più compresse, tediano il cuore in modi insopportabili, danno una sensazione che è più giusto chiamare tortura che tormento. So che quel Sogno, proprio quello e solo quello, unico al mondo, è mio. Lo è fin dalla mia e dalla sua nascita. Nessuno me lo toglierà mai. Forse.

A volte queste acque diventano così belle ma così belle da riflettere le stelle in tutte le sfumature di luci e colori, tolgono il fiato dalla loro bellezza. A volte sono semplicemente inquinate dal dolore, patine di dolore come petrolio, a intossicare non il Sogno ma la vita intera!
Basterebbe lasciarle fluire.  Ma ormai non si può più.  Guarda come sono diventate! Crescono.

Se adesso aprissi la diga, dove andrei a finire!?

Tanto li ho contemplati i miei Sogni tanto so che sono parte di me, che mi spettano, che vivrò e morirò per loro. Sì, quanto sono grandi e belli, ora lo so, sono cresciuti anche loro insieme alla mia sensibilità e alla mia consapevolezza di me e del mondo.
Tanto li ho contemplati i miei Sogni tanto so che non fanno per me. Sono troppo. Mi distruggeranno.

La paura di vincere non è la paura del cambiamento. “Chi sarò come sarò con chi sarò come farò.” Inezie!
Avrai vinto. Avrai tutto. Avrai tutto ciò che costituisce la tua pace e la tua gioia. Sarai forte. Tutte queste preoccupazioni semplicemente non esisteranno. Sarai al posto tuo. Tutto fluirà insieme a te e si adatterà a te. Non esiste nessun reale rischio nell’essere pienamente te stesso in ogni aspetto.

La paura di vincere è la paura di perdere. Ma molto, molto di più. Per questo è così difficile da sconfiggere.

strada-e-scala-bimbo

Sai che ne sei all’altezza. QUEL Sogno è fatto su misura per te, l’hai fatto tu!
Potresti ottenerlo. Pochi passi, nella giusta direzione, con la giusta attenzione… Ed è tuo. È sempre stato tuo. È lì che ti aspetta, nel mondo dei Sogni. Aspetta di essere preso.

Sai che ne sei all’altezza. Che è lì, che ti guarda. Che è la tua Vita, che ti guarda.
E tu dell’altezza hai pauraEcco. E hai ragione, purtroppo. Potresti distruggerti.
In basso, non si sta bene. Almeno, tu che sei più grande delle cose piccole, ormai non ci stai più bene. Ma dal basso non si cade. Ci sono cose carine, piccole ma carine, affetti carini, piccoli ma carini. C’è la sua bellezza, il suo calore perfino. E soprattutto non si cade. Dal basso non si cade. Sei già a terra.

Puoi intraprendere sfide su sfide e perderle, tutte, a una a una. Così rimani sempre lì, al sicuro, alla base. Fino a che ti ammali, per la rabbia e il dolore. O fino a che muori, anziano, sereno, così così, come tutti, grato, così così, delle piccole cose. Avresti potuto volare alto.  Ma sarà per la prossima volta.
Ci hai provato, ti è andata male ogni volta. Sei tornato alla base. Ora sei stanco. No, mi spiace, non ci pensi neanche, non chiedeteglielo nemmeno. Che le acque si calmino. Che le stelle si acquietino. Giusto così. Bene così.

In realtà, per molte persone, questo post finisce qui. Ma io non sono solita lasciare i miei scritti i miei lettori e nemmeno i clienti delle mie terapie sull’orlo dell’abisso, benché sia un luogo di grandi rivelazioni.
Io non mi fermo, io vado fino in fondo.

La cura?  L’abisso.
L’abisso è la cura.
La morte è la cura di tutte le malattie.
Dico sul serio.

Al cospetto della Morte esiste solo la Verità. La Morte risveglia alla VitaSperimento ogni volta quando guido regressioni ad altre vite il momento immediatamente posteriore alla morte. È il momento in cui si considera l’intera esistenza e si percepisce e si vede chiaramente se ci sono rimpianti e quali sono gli insegnamenti… E’ paradossale: le esistenze sono in numero quasi infinito eppure ognuna è percepita come sacra, preziosa, insostituibile, un bene che è un delitto sprecare, e di più: è cattivo karma sprecare.

Si ha una adesione immediata e fortissima ai propri valori e a come li si vuole vivere, come è costituzionale, fondamentale, per noi viverli. Dio non lo puoi tradire. Non puoi tradire il tuo Io Spirituale. Non puoi tradire il tuo cuore.

Nessuno ti punirà mai per questo. L’unico tuo giudice sei tu. L’unico che SA che cosa si è perso sei tu.

La morte aiuta. Aiuta ad avere una visione complessiva a cogliere ciò che conta (e solo ciò che conta). Quando, appena morto, ti guarderai negli occhi, che cosa ti dirai? Credi che ti accontenterai di piccole verità come “ho fatto quello che ho potuto”? Sarai così magnanimo e condiscendente con te stesso come sei ora, che dici “sono stanco, per favore non insistere” oppure “ci ho provato tante volte e non è andata bene…”? Credi che riuscirai a convincerti?

Io credo che la Morte, nostra sorella Morte corporale, come diceva San Francesco, tolga ogni stanchezza e ogni paura.

Se quando morirai potrai dire solo “ho amato, ho molto amato, ho fatto quello che mi stava a cuore, che sono venuto per fare, e anche questo mi ha permesso di amare e diffondere amore perché amore è tutto e io dell’amore non mi sono fatto mancare niente…” allora sarai felice, in morte e in vita e in tante vite.

.

.

La convinzione di non meritare non ha mai fondamento, dato che il merito non esiste. Un albero non merita, una nuvola non merita,  un falco, un virus, non meritano e neppure tu: perché meritare significa ricevere quel che è dovuto, e l’universo non deve nulla a nessun vivente né i viventi devono nulla all’universo. esiste invece, ben constatabile, quella che i cristiani chiamano la Grazia: una abbondanza inesauribile di campi di azione e di occasioni. Ma questa abbondanza appare troppo semplice a chi si è lasciato complicare l’esistenza dal comunissimo, contagisissimo, inesorabile senso di colpa.

Igor Sibaldi, “Il mondo dei desideri, progetti di libertà”

—————-.–.—————-

Cavaliere Newsletter Bonus Silvia Pedri

Iscriviti alla mia newsletter e avrai subito in regalo l’ebook “La Via del Cavaliere: Racconti e spunti iniziatici per cavalieri e aspiranti tali”.

Visita il mio shop: conosci le mie pubblicazioni e scopri in che modo possiamo crescere insieme!

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

Amore è Sentirsi Accettati?

Amore è Sentirsi Accettati? 450 450 Silvia Pedri

Qualche mese fa ho letto una intervista a Fabio Volo, nel pieno del suo successo personale e professionale, una persona serena, felice, straordinariamente fertile.
Da ciò che raccontava, si capiva che dalla sua felicità sentimentale aveva trovato nuovo carburante per ogni parte della sua vita: nuove consapevolezze, nuova fiducia, nuove idealità, nuova creatività.
È naturale, tutti i successi sono collegati e si alimentano tra di loro.
Fabio Volo riconosceva che quel “donnino” forte ed esile gli aveva cambiato la vita. Sapeva che era lei e solo lei la sua donna, quella con cui avrebbe potuto realizzare il suo sogno di avere una famiglia, quella che dopo una vita solitaria e scapestrata, gli aveva fatto venire voglia, una voglia profonda persistente e duratura, di trascorrere la vita insieme a lei.

Lettori all’apice della curiosità e dell’estasi.
Intervistatore chiede “Perché? Perché lei? Che cosa c’è di speciale in lei e tra di voi?”

La domanda “Perché la ami?” scoperchia sempre mondi, se uno guarda e sa vedere… E’ anzi così vasta ed abissale la risposta che spesso, all’opposto, fa vacillare e perdere l’equilibrio e ogni cognizione di orientamento…
Fabio Volo risponde: “Non lo so. Mi sento accettato.”
Testuali parole. Le ricordo bene.
Tutto lì.

Passa la vita a fare il ragazzaccio e a sentirsi un fuori casta sia in famiglia sia con gli amici sia sul lavoro e finalmente si accorge che… va bene così. È tutto così semplice da essere banale.
Nel corso del tempo Fabio Volo ha imparato ad apprezzarsi per quello che era e che era riuscito a combinare nella vita, ha imparato a guardarsi, vedersi, rispettarsi e abitare la sua pelle con coraggio e dignità e a poco a poco a riconoscere il proprio valore, a prescindere da quanto fosse contestato dal pubblico, dalla critica, o dal suo stesso padre, che per molti anni non gli ha parlato.
Ciò che c’è fuori è ciò che c’è dentro e viceversa. In realtà lui si vergognava perciò attirava attacchi e ostruzionismi. Ma anche aveva il coraggio di essere quello che era (ebbene sì, un fuori casta! un creativo senza arte né parte ma con impegno e passione) perciò attirava anche un successo incredibile.

fabio volo_amore_coppia_felicità_successo

.

 

Le persone amano chi è quello che è.

Tutti vorrebbero essere quello che sono e avere successo. Perciò ti seguono. Per prendere un pezzettino di te, della tua libertà, del tuo coraggio, del tuo valore.
E col tempo Fabio Volo si è vergognato sempre meno e si è amato sempre di più. Ha iniziato a provare piacere e fierezza per quello che è.  Ha imparato ad accettarsi nel bene e nel male. Ha imparato a vedere che il male in lui non esisteva, che ciò che lui si rimproverava erano semplicemente passaggi di crescita, fisiologici e necessari, benefici.
Si rimproverava di avere sempre deriso la famiglia, che poi aveva scoperto essere un valore fondamentale per lui. Ma ne aveva semplicemente paura. Contestarla era il suo modo di venirne a patti, anzi di venirle vicino, provocarla e interrogarla in continuazione. Si rimproverava la superficialità del suo periodo in cui lui stesso aveva coniato il sostantivo “trombamico”. Ma era una parte di lui, delle sue esperienze, era il meglio che poteva fare allora, è stato nutriente ed è stato benissimo così, nessuna nostalgia, nessun rimorso, nessun rimpianto.
E chissà quante altre cose uno si può rimproverare! Poi smette di rimproverarsi. E inizia ad accettarsi. Poi, all’improvviso, per la prima volta nella sua vita, uno si sente accettato. Esatto, proprio così. SI SENTE accettato.

Non voglio dire che qualsiasi donna per Fabio Volo sarebbe stata quella giusta. Senza dubbio un legame così forte come quello che lui ha con la sua futura moglie ha radici vaste e profonde. Voglio dire che ha potuto TROVARE la donna della sua vita e ha potuto STARE con lei e apprezzare, ADORARE lo stare insieme a lei perché SI SENTIVA accettato, insieme a lei e anche senza di lei e prima di lei.

Io non credo che sia tanto raro l’amore incondizionato (“Ti amo per quello che sei così come sei”). Se è raro, cambiate pianeta. Nel senso proprio di cambiate il pianeta! Sarebbe un pianeta senza amore. Interamente da rifare.
L’amore è solo quello. Non le proiezioni che si appiccicano sopra le persone. Tu mi dai l’amore di mamma, tu mi dai l’amore di papà. E le etichette di salvatore o di carnefice che mettiamo sulla fronte ai disgraziati in cui ci imbattiamo. No.
L’amore è TI VEDO – TI AMO. Il “perché” è un altro capitolo. Se sono uno scrittore posso scriverci romanzi e saggi interi. Ma potrebbe anche interessarmi poco. Mi interessa, piuttosto, che SEI TU.
Certo che ti accetto! Non nel senso che prendo la accetta e ti faccio a pezzi. Questo pezzo mi piace perché mi ricorda papà nelle cose buone, questo pezzo mi fa impazzire perché mi ricorda papà nelle cose cattive e non lo voglio proprio vedere anzi te lo dico subito mi fa schifo e per favore cambialo!
Che fatica vivere così, accettando la gente con l’accetta. Che complicazione. La vita sa essere tanto complicata quando si è tanto stupidi.
No l’amore è quello e solo quello: amo te perché sei tu così come sei. Prendo il pacchetto completo. Quello mi interessa, quello è importante per me. Il pacchetto non completo non avrebbe senso né per te né per me. L’amore è sempre quello. L’accettazione è inclusa.

È più frequente che sia tu che fai fatica a crederci. E’ più frequente che sia tu che non riesci a vedere l’amore incondizionato quando c’è perché non riesci ancora a concepirlo, a ritenerlo possibile e reale per te.
Tu non l’hai ancora provato per te stesso.

Ti sei mai ACCETTATO?

Sembra strano da dirsi, ma hai mai accettato la tua esistenza in toto, per quello che è, in tutti i suoi aspetti, perché sei tu, la tua vita ha il tuo odore, il tuo sapore, la tua forza, i tuoi profumi…
Ti sei mai SENTITO accettato? In ogni parte della tua vita presente, passata e pure nei sogni futuri?
Beh nel frattempo ti dò una notizia, una cosa in cui credo e che ho visto con i miei occhi e che tante altre persone hanno visto e sperimentato.
Quando ti SENTIRAI accettato troverai una persona che ti accetta totalmente, per tutto quello che sei, e che magari ti aiuta a scoprirti ulteriormente.
Non solo ma sarà la persona che ti amerà proprio per tutte le cose che sei. Amerà le cose che tu accetti di te, le cose che tu ami di te, le cose che ami ma hai sempre considerato inaccettabili di te, le cose che non ami di te ma che ugualmente sono espressione della tua forza e della tua bellezza, della tua ricchezza interiore.
Non solo ma in realtà più che trovarla ti accorgerai di averla.
Era già lì e tu non riuscivi a vedere il suo sguardo amorevole e puro come quello di un bambino.
Una mia amica si è accorta dello sguardo del suo uomo dopo il rito del matrimonio, mentre guardava le foto. È rimasta colpitissima dalla sua tenerezza, dalla dolcezza, dall’ amore incondizionato che esprimeva. E non credo che non avesse mai guardato il suo compagno negli occhi. Semplicemente non lo aveva visto. Non credeva possibile, reale, quel tipo di amore, per lei.
Era già lì e tu non riuscivi a reggere le sue dimostrazioni di amore incondizionato perché ti facevano troppa paura.
Non potevi vederle. Quando le vedevi non potevi riceverle. Facevano troppo male. Ma il dolore era solo quello della tua paura, della convinzione limitante che l’amore non potesse essere per te, che se l’amore un giorno fosse inciampato in te avrebbe prima o poi invariabilmente cambiato direzione, distolto lo sguardo e ti avrebbe dimenticato, avrebbe capito di essersi sbagliato perché tu lo sai, non ne sei degno, e invariabilmente lo avrebbe saputo anche lui.

Ma la vita ti dà prima che tu sia pronto a ricevere. Ti dà quando chiedi. Basta che solo una parte di te chieda.

E …il gioco inizia. Puoi sperimentare.
Allora? Ti SENTI accettato? 😉

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

Il Ragazzo che inseguiva i Sogni: Capitolo 1 “La Terra di Nessuno”

Il Ragazzo che inseguiva i Sogni: Capitolo 1 “La Terra di Nessuno” 700 503 Silvia Pedri

“La Terra di Nessuno”

Ora va bene.
Non puoi aspettare. Ma non c’è fretta.
Non c’è futuro. Non c’è passato.
C’è solo presente. Prezioso presente.

Sei diverso da com’eri ieri. Non hai nulla in comune, se non una storia da raccontare, col bambino che eri 30 anni fa. Sei come sei ora, sei come divieni vivendo giorno per giorno e nutrendoti di cose belle, di ciò che ami, di ciò che scegli.

Ora. Ora va bene. Ora con tutte le tue mancanze e le tue abbondanze. Ora ci sei. Sei qui. Hai scelto il tuo posto nel mondo ed è perfetto per te. Per te come sei ora. A volte il tuo lavoro ti sembra scomodo, a volte noioso, a volte umiliante. A volte ne sei grato, ti dà le sue sicurezze. E ti permette di relazionarti col mondo e farne esperienza, osservare e osservarti. Va bene…

Ma i tuoi sogni stanno altrove! E ora già li incarni. E ne sei fiero. E fai bene.
Ora, giorno per giorno, inizi a prenderli.
Li attendi. Li nutri. Li coltivi. Valuti ogni opportunità che la vita ti offre per realizzarli meglio. Dici no e dici sì. A seconda di come le proposte sono in sintonia con i tuoi valori e con il tuo valore.

Non ti vendi a poco. Sai quanto vali. Sai che quello che fai è inestimabile per la tua gioia e per la gioia di chi riceve il tuo lavoro. Te ne rendi conto dai feedback che ricevi. Te ne rendi conto da quanto ti fa stare bene. E lo vuoi fare bene. Vuoi solo il meglio per lui. Perché lo ami e lo rispetti, lo onori.
Ora sei in questo presente scomodo di mancanze e abbondanze, di smarrimenti e certezze, di insicurezze. A cavallo tra polvere e gloria, provincia e mondo, tra vite, relazioni, lavori diversi. A cavallo tra te stessi diversi.

Il ragazzo che inseguiva i sogni

Non sei più il tuo passato. Non sei ancora il tuo futuro.

Infatti. Sei al presente. Questo presente vastissimo e angusto. Dove hai le tue radici e da dove partono le tue ali.
A volte ti fermi e lo guardi. Senti la mancanza d’aria e insieme la libertà che ti dà questa vita che ti sei costruito finora.

E la ringrazi.

 

—————

Ti è piaciuto questo articolo? Non perdere i prossimi della serie!
Iscriviti alla mia NEWSLETTER: riceverai subito in regalo l’Ebook “Il ragazzo che inseguiva i Sogni”!
Scopri cosa posso fare per te su: Silvia Pedri – Parlami

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

Come vedono i Gatti: incontri ravvicinati con la ghiandola pineale del felino più divino

Come vedono i Gatti: incontri ravvicinati con la ghiandola pineale del felino più divino 500 366 Silvia Pedri

C’era una volta, poco tempo fa, un ragazzo che doveva vincere, un veggente e io.
Nella stessa stanza.
Beh non proprio. Il ragazzo nella stanza era in spirito, nei nostri pensieri. Il veggente era un gatto nero. Io ero io.
Il gatto non era il mio, era di un amico. Era il gatto di un terapeuta medium molto bravo che ero andata a trovare per portargli una persona. E’ possibile che i gatti di persone speciali siano ancora più speciali dei gatti normali. Questo in particolare aveva fama di essere molto “selvatichino”, ma con me fu gentilissimo. Mi insegnò cose che nessun umano e nessun gatto si era mai sognato di imparare e di insegnare.

Il ragazzo a quel tempo stava per partecipare a una gara sportiva. Doveva vincerla. Era una vittoria che aveva coltivato per molti anni, probabilmente per tutta la vita e che avrebbe segnato la sua vita futura. Tutto dipendeva da quella gara: la fortuna dell’armatore, la sopravvivenza della squadra, l’inizio della storia d’amore di questo ragazzo per se stesso, nuovi sbocchi professionali e nuove felicità, nuovi equilibri nei rapporti con la sua famiglia, con i suoi amici e con la sua futura fidanzata, la ragazza che forse… chissà… se solo… Tutta la squadra aveva dato il massimo nella preparazione dell’evento del loro terzo mondiale di vela dilettanti. Questo ragazzo era il timoniere. Li avrebbe portati alla vittoria.
Mentre il terapeuta stava lavorando con la persona che gli avevo portato, ne parlai col gatto.

È difficile riferire che cosa mi disse perché i gatti sono in genere di poche parole, diciamo pure muti. Già è difficile tradurre lingue e sistemi di pensiero stranieri. Tradurre lingue senza parole e sistemi di pensiero senza pensieri è impossibile. Ci provo solo ora, a costo di avere perso la freschezza della visione, perché ora ho più maturità e mezzi per esprimermi. Allora si trattò di una rivelazione, fulminea e isolata, un momento mistico.
Gli umani vivono nella realtà costituita, definita e delimitata dalle parole e dai concetti che le parole veicolano. I felini vivono in uno spazio-tempo di silenzio assoluto, uno spazio vuoto e aperto, vasto e molteplice come l’eternità, impermeabile ad ogni condizionamento e allo stesso tempo sensibile ad ogni influenza materiale e astrale.

Tobia il gatto aprì per me la stanza della sua ghiandola pineale e mi ospitò. Fino a che il mio desiderio e la mia energia mi sostennero, io VIDI come vedeva lei (è un gatto femmina con nome da maschio, chiaro indizio di stramberia sciamanica).
Intanto ebbi la conferma, per esperienza, di ciò che suppone la scienza, che i gatti vedono in B/N. I colori non sono importanti. Non sono “la sostanza del discorso” direbbero i gatti.
Se ne può discutere, anzi varrebbe la pena di approfondire il perché e il percome discutendone con qualche gatto filosofo.

 

selfie nuda sul pavimento gatto rovescio

 

Comunque colgo l’occasione per anticipare ciò che Tobia mi mostrò in seguito, quando si andò a ritirare sul suo cuscino preferito: i gatti, tutti i gatti, sognano a colori. Un po’ come i ciechi, umani o no, che sono impossibilitati a vedere con i due occhi fisici ma possono sognare con l’occhio interiore qualsiasi cosa, col potenziale utilizzo di tutti i sensi. Possiamo stare sicuri che quando moriremo i colori non mancheranno. Ricchi, vari, intensi o scialbi, conosciuti o ancora inconcepibili, i colori sono parte costituente dei mondi astrali.

Terza cosa che VIDI coi miei occhi grazie agli occhi di Tobia. I gatti non vedono una realtà sola ma diverse realtà alla volta. Questo secondo me è sia una loro peculiarità, una caratteristica della loro specie, sia un loro talento individuale. I gatti sono per natura magici, ma non escluderei che ci siano tra loro gatti più o meno intelligenti, più o meno evoluti. (In seguito partecipai a una festa in casa di un altro opertore olistico. Quando un caro amico mi chiese come era stata gli risposi: “Boh. Ha gatti idioti! O_O”)

I gatti sperimentano per natura ciò che per prima Jane Roberts con gli scritti di tutta la sua vita si impegnò a divulgare, al grande pubblico, fin alla metà del secolo scorso. La realtà non è una. La realtà è una serie di realtà contemporanee parallele.
Il gatto non vede uno. Vede uno e le sue potenzialità, le sue realtà possibili al di là del tempo.
Il mio amico avrebbe vinto la gara. Oppure no. La vittoria esisteva già. Faceva parte dei suoi sogni, delle sue creazioni mentali/astrali, delle sue realtà possibili. Bastava andare verso quella direzione. E prenderne possesso.

Il gatto vede in bianco e nero, vede la realtà che lo circonda come la vediamo noi senza troppi dettagli perché di fatto ci sono cose molto più interessanti da vedere. E inoltre, a volte letteralmente, vede delle griglie. Le griglie esistono oggettivamente. Le mostrano i film Matrix, Lucy. Alcune mie amiche le hanno viste e hanno addirittura provato a spostarle e giocarci. Anche io ne ho avuto percezione in casi eccezionali.
Queste griglie si possono moltiplicare a volontà per ogni aspetto di interesse e possono così articolare i piani della visione: visione materiale, visione astrale, possibilità presenti, passate e future, cose invisibili di cui sento i rumori fuori dalla porta, tutto può rientrare nel campo visivo.
Ad esempio, se, per gentile e amorevole concessione, i gatti vi ospitano nella loro ghiandola pineale, potete vedere vari aspetti contemporanei di una cosa o vari parti di un sistema che si muovono contemporaneamente o la collocazione o la direzione di una persona nello spazio-tempo in relazione a voi o a se stessa o aspetti del passato come del futuro… Mi è capitato l’altro giorno, con il giovane gatto che ho in casa.

Insomma tutte cose che un comune veggente padroneggia, soprattutto se è di pelo nero e baffi lunghi.
Se invece le tue doti di veggenza sono ancora arrugginite e sei solo umano… fai parte di una razza inferiore, è vero, ma puoi sempre migliorare. Se ti applichi. Insieme a un gatto. Nel silenzio assoluto delle vostre menti congiunte.
Un gatto in fondo non è molto diverso da un essere umano. Anche lui può essere, con la consapevolezza, istantaneamente in varie parti del globo e dell’Universo e allo stesso tempo essere superpresente nella realtà materiale a 3D. Cose di tutti i giorni. Per lui che ha non la parola ma la magia pura e intatta dell’Infinito.

Quando un gatto vi guarda “intorno”, ora che sapete come funziona, chiedetegli che cosa sta vedendo. Io ad esempio sono sicura che vede gli Spiriti di altri Mondi che mi stanno a fianco. Ma non mi ha mai dato la soddisfazione di una conferma.

Ah il ragazzo alla fine perse la gara, con tutte le conseguenze del caso. Si trattò della sconfitta conclusiva, e decisiva, di una serie di sconfitte dopo una brillante ascesa. Forse il ragazzo non si trovava al posto suo. Forse aveva qualcosa fuori posto. Fatto sta che in questo spazio-tempo non ebbe accesso alla realtà che sognava.

Forse un gatto lo avrebbe aiutato. Perché i gatti non solo solo veggenti ma anche terapeuti.
Ma su questo devo ancora ricevere lezioni private.
Nel caso , vi farò sapere.

 

—————-.–.—————-

Al Mio Re – Edizione speciale
Ebook, audiobook e bonus “Regressione per la Felicità in Amore”

Al Mio Re” è tornato in un’edizione speciale con il mio regalo speciale per te
Sperimentiamo insieme la regressione guidata ad altre vite e ad altri spazi-tempo con uno speciale mp3 formulato per l’uso individuale e per la liberazione dei blocchi nella sfera affettiva. Prova subito il mio strumento di maggiore successo!

Regressione guidata mp3
Scoprilo subito nel mio e-commerce.

—————-.–.—————-

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su tutte le mie attività e ricevi i migliori articoli dal mio blog!

Per te in regalo, l’e-book
“IBOGAcome riconoscere e utilizzare efficacemente la Pianta Maestra più potente e sconosciuta del pianeta”.
ISCRIVITI QUI

iboga-bonus-newsletter

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

Dire di sì all’Amore

Dire di sì all’Amore 1246 698 Silvia Pedri

Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te”, ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e cresce…

Ciò che crei ti sta creando.
Ciò a cui ti dedichi con amore, con passione, divertimento, gioia, entusiasmo, piacere,… riempie di Vita e Luce la tua esistenza, di motivazione, di potere creativo, di bellezza.
Si tratta sempre di una crescita reciproca. Un guardarsi e amarsi: rispecchiarsi nelle luci e nelle ombre dell’altro e amare entrambe come parte dell’altro e parte di noi. Accoglierle, comprenderle, benedirle. Amare è guarire. Modellarsi intorno alla massima luce che possiamo, volta per volta, reggere.

Le anime gemelle si creano. A partire dai loro ideali, dai loro valori.
Si nutrono, si ispirano, si stimolano. Si vedono… È  la più grande occasione che ti è concessa per vedere, coi tuoi occhi e con gli occhi di un atro, che meglio di qualsiasi altri sanno vedere, te stesso e il tuo Mondo. E guarirlo.

Lasciati vedere, lasciati essere, vulnerabile, indifeso, inadeguato. Fidati. Lasciati fare.
Che tu viva o muoia ne uscirai glorioso, benedetto da forza e consapevolezza incommensurabili.

“Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto.”

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...
  • Il senso della Felicità
    "LO SCIAMANESIMO è UNA VIA PER TROVARE IL SENSO DELLA VITA, NON LA FELICITA’."Questa è una frase bellissima. Anche questa è una bella propaganda. Fa sentire speciali, superiori perfino alla esigenza u...

Se non sei concentrato non ti puoi espandere

Se non sei concentrato non ti puoi espandere 150 150 Silvia Pedri
“Se non sei concentrato non ti puoi espandere.”
Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!
È quello che vedo io. In me e nelle persone a me più prossime. Non so come sei tu che leggi. Ma so che nella nostra società si tende a soffrire di una vita sbilanciata verso lo YING. Zuccheri, eccitanti, stress, menti e attività frenetiche ed espanse, creative forse ma poco realizzative. Dispersione. Frustrazione.
Una vita sbilanciata fa letteralmente soffrire.
Eppure non c’è ying senza yang. Non c’è crescita senza radicamento, vivacità senza riposo, e non è possibile espansione che sia autentica “crescita felice” (come promette questo blog) senza contrazione e concentrazione. L’equilibrio favorisce la centratura, la consapevolezza e la costruttività.
Cosa ci riporta in equilibrio? Ad esempio, il contatto con la Natura. Una passeggiata, nutrirsi di Sole e profumi e respirare profondamente. La meditazione. Resettare regolarmente le onde cerebrali su frequenze più lente. Eliminare gli squilibri, gli eccessi di adrenalina e gli eccessi di cibo. Soprattutto eliminare i fattori espansivi: alcool, fumo, spezie, dolci e, in inverno, cibi crudi o freddi. Recuperare una vita essenziale, ambienti e stili di vita zen, non perché si è poveri e si torna minimal ma perché solo avendo da gestire una vita minimal si può puntare al massimo. Semplicità, ordine chiarezza mentale sono il terreno fertile.
E per concludere un segreto di feng shui. Che il nostro luogo di lavoro o creatività sia tranquillo, stabile e sicuro, protetto da venti e maree, materiali ed energetici. Che le tue spalle siano coperte da un muro, magari con una immagine di grande montagna. Che la tua scrivania sia libera pulita e ordinata.

Ora tu sei nelle tue mani…

Per approfondire consiglio:

Guida Completa alla Cucina Macrobiotica
  Armonia, salute e bellezza con l’alimentazione macrobiotica. Lo trovi su Macrolibrarsi.it

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...
  • Il senso della Felicità
    "LO SCIAMANESIMO è UNA VIA PER TROVARE IL SENSO DELLA VITA, NON LA FELICITA’."Questa è una frase bellissima. Anche questa è una bella propaganda. Fa sentire speciali, superiori perfino alla esigenza u...
  • Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)
    Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e vis...

Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)

Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?) 400 265 Silvia Pedri
Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e visionari.

http://www.armagan.com/
http://www.anatolia.com/articles/lively_colors/

Laurie Rubin è un giovane e apprezzato mezzo-soprano, vive in America, ha appena pubblicato una autobiografia sulla sua sfrenata e aggraziata vita da outsider, e ha ultimamente creato, con le sue mani, la collezione di gioielli più bella che io abbia mai visto.
http://thelrlook.com/

Che cos’hanno in comune questi due personaggi?

Sono entrambi ciechi dalla nascita.
———————-
Trova la Tua Via, vivi la Tua Vita!
Io ho scelto l’Abbondanza.
E Tu?
Esplora insieme a me il tuo cammino e raggiungerai il centro di te stesso e dei tuoi desideri.
La Gioia è qui che ti aspetta, nel fondo del Tuo Cuore… 😉
Consulti e terapie personalizzati: Parlami
Tutte le mie pubblicazioni su: Silvia Pedri Pubblicazioni
Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i miei articoli: Mi iscrivo

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro
    Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - LibroBellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. "Tutti i bambini possono diventare Einstein....
  • Mass media e opinioni di massa: tu con chi stai?
    (…) Le notizie hanno il solo scopo di continuare ad alimentare la vostra paura e di offrirvi problemi infiniti che non siete in grado di risolvere, per generare un flusso costante di impotenza e assic...
  • il Segreto sta qui
    "Il Segreto sta qui" dico portandomi la mano al petto e battendo forte."Il Segreto sta qui" dico portando le mani giunte in preghiera al terzo occhio.E ho ragione. Ma di più. Il sistema è olistico. Il...
  • Omologazione stressante
    “Tale e Quale”. Io non ho la televisione. Ma a volte, quando sono a casa dei miei genitori, mi capita davanti lo spot pubblicitario di questo programma televisivo.Ci sono stati tanti programmi in prec...

Aquile, Polli, Procioni: ognuno è quello che è.

Aquile, Polli, Procioni: ognuno è quello che è. 150 150 Silvia Pedri
Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro

Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein – Libro

Bellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. “Tutti i bambini possono diventare Einstein.” Colpisce.
Lo trovo raccapricciante.
È il solito discorso di quei best-sellers mondiali che insegnano a polli a volare come Aquile. Perché devo volare (cercare disperatamente di volare) quando sono un pollo? Esistono manuali per polli che hanno smarrito se stessi? Manuali per polli trasformati in aquile che devono ritrovare se stessi?
Perché è così la società. Le persone che ci amano, quelle che ci odiano. Ci tirano. Verso quello che loro pensano sia giusto per noi. Un posto fisso, uno stipendio da Aquila, un’automobile, un abito che fa il monaco… E noi, tirati, nella tensione di essere qualcosa che non siamo, ci allontaniamo dal nostro centro e da noi stessi.
Essere aquila ha tanti pro e tanti contro. Essere pollo ha tanti pro e tanti contro. Essere procione ha tanti pro e tanti contro. Ognuno ha il suo posto, il suo onorevole ruolo all’interno della comunità animale/umana. Una persona dovrebbe sapere fin dall’infanzia, fin dentro le ossa, che va bene così, è perfetta così com’è. Forse è Einstein forse no. Forse è Kandinskij. Ma potrebbe non essere e non voler diventare né scienziato né pittore né prodigio creativo qualsivoglia. Ogni persona dovrebbe avere la profonda e serena consapevolezza che va bene così, che è quello che è ed è perfetto. Non deve diventare nessun altro. Non deve sforzarsi di diventare se stesso. Deve essere, semplicemente, se stesso al meglio, appieno.  Allora la pietra grezza che è, di qualsiasi colore sia, brillerà.

 

Esercizi per Leader

Esercizi per Leader

Questo libro, “Esercizi per leader”, spende le prime pagine (le ho lette) a dissertare in modo logico e incontrovertibile sul fatto che tutte le capacità dei leader vanno coltivate e che tutte si possono apprendere. Sicuro, TUTTO si può apprendere.
Basta che mi applichi, che faccia gli esercizi, da bravo…
Ma perché mai? Se non sono nato leader perché dovrei diventarlo?
Perché mai se sono miniaturista dovrei apprendere a fare graffiti? Non è il mio stile! Perché devo per forza volare come un’aquila? Perché è bello. E chi lo dice? Posso contrattare “gabbiano” o proprio non ho scelta? È ridicolo.
La domanda non è:  Ce la posso fare a raggiungere certi standard? La domanda non è:  Come posso fare a raggiungere certi standard?
La domanda è: Chi sono io? Come posso rispettarmi ed essere felice?

 

———————-
Trova la Tua Via, vivi la Tua Vita!
Io ho scelto l’Abbondanza.
E Tu?
Esplora insieme a me il tuo cammino e raggiungerai il centro di te stesso e dei tuoi desideri.
La Gioia è qui che ti aspetta, nel fondo del Tuo Cuore… 😉
Consulti e terapie personalizzati: Parlami
Tutte le mie pubblicazioni su: Silvia Pedri Pubblicazioni
Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i miei articoli: Mi iscrivo

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)
    Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e vis...
  • Mass media e opinioni di massa: tu con chi stai?
    (…) Le notizie hanno il solo scopo di continuare ad alimentare la vostra paura e di offrirvi problemi infiniti che non siete in grado di risolvere, per generare un flusso costante di impotenza e assic...
  • il Segreto sta qui
    "Il Segreto sta qui" dico portandomi la mano al petto e battendo forte."Il Segreto sta qui" dico portando le mani giunte in preghiera al terzo occhio.E ho ragione. Ma di più. Il sistema è olistico. Il...
  • Omologazione stressante
    “Tale e Quale”. Io non ho la televisione. Ma a volte, quando sono a casa dei miei genitori, mi capita davanti lo spot pubblicitario di questo programma televisivo.Ci sono stati tanti programmi in prec...