fbpx

realizzazione

Come vedono i Gatti: incontri ravvicinati con la ghiandola pineale del felino più divino

Come vedono i Gatti: incontri ravvicinati con la ghiandola pineale del felino più divino 500 366 Silvia Pedri

C’era una volta, poco tempo fa, un ragazzo che doveva vincere, un veggente e io.
Nella stessa stanza.
Beh non proprio. Il ragazzo nella stanza era in spirito, nei nostri pensieri. Il veggente era un gatto nero. Io ero io.
Il gatto non era il mio, era di un amico. Era il gatto di un terapeuta medium molto bravo che ero andata a trovare per portargli una persona. E’ possibile che i gatti di persone speciali siano ancora più speciali dei gatti normali. Questo in particolare aveva fama di essere molto “selvatichino”, ma con me fu gentilissimo. Mi insegnò cose che nessun umano e nessun gatto si era mai sognato di imparare e di insegnare.

Il ragazzo a quel tempo stava per partecipare a una gara sportiva. Doveva vincerla. Era una vittoria che aveva coltivato per molti anni, probabilmente per tutta la vita e che avrebbe segnato la sua vita futura. Tutto dipendeva da quella gara: la fortuna dell’armatore, la sopravvivenza della squadra, l’inizio della storia d’amore di questo ragazzo per se stesso, nuovi sbocchi professionali e nuove felicità, nuovi equilibri nei rapporti con la sua famiglia, con i suoi amici e con la sua futura fidanzata, la ragazza che forse… chissà… se solo… Tutta la squadra aveva dato il massimo nella preparazione dell’evento del loro terzo mondiale di vela dilettanti. Questo ragazzo era il timoniere. Li avrebbe portati alla vittoria.
Mentre il terapeuta stava lavorando con la persona che gli avevo portato, ne parlai col gatto.

È difficile riferire che cosa mi disse perché i gatti sono in genere di poche parole, diciamo pure muti. Già è difficile tradurre lingue e sistemi di pensiero stranieri. Tradurre lingue senza parole e sistemi di pensiero senza pensieri è impossibile. Ci provo solo ora, a costo di avere perso la freschezza della visione, perché ora ho più maturità e mezzi per esprimermi. Allora si trattò di una rivelazione, fulminea e isolata, un momento mistico.
Gli umani vivono nella realtà costituita, definita e delimitata dalle parole e dai concetti che le parole veicolano. I felini vivono in uno spazio-tempo di silenzio assoluto, uno spazio vuoto e aperto, vasto e molteplice come l’eternità, impermeabile ad ogni condizionamento e allo stesso tempo sensibile ad ogni influenza materiale e astrale.

Tobia il gatto aprì per me la stanza della sua ghiandola pineale e mi ospitò. Fino a che il mio desiderio e la mia energia mi sostennero, io VIDI come vedeva lei (è un gatto femmina con nome da maschio, chiaro indizio di stramberia sciamanica).
Intanto ebbi la conferma, per esperienza, di ciò che suppone la scienza, che i gatti vedono in B/N. I colori non sono importanti. Non sono “la sostanza del discorso” direbbero i gatti.
Se ne può discutere, anzi varrebbe la pena di approfondire il perché e il percome discutendone con qualche gatto filosofo.

 

selfie nuda sul pavimento gatto rovescio

 

Comunque colgo l’occasione per anticipare ciò che Tobia mi mostrò in seguito, quando si andò a ritirare sul suo cuscino preferito: i gatti, tutti i gatti, sognano a colori. Un po’ come i ciechi, umani o no, che sono impossibilitati a vedere con i due occhi fisici ma possono sognare con l’occhio interiore qualsiasi cosa, col potenziale utilizzo di tutti i sensi. Possiamo stare sicuri che quando moriremo i colori non mancheranno. Ricchi, vari, intensi o scialbi, conosciuti o ancora inconcepibili, i colori sono parte costituente dei mondi astrali.

Terza cosa che VIDI coi miei occhi grazie agli occhi di Tobia. I gatti non vedono una realtà sola ma diverse realtà alla volta. Questo secondo me è sia una loro peculiarità, una caratteristica della loro specie, sia un loro talento individuale. I gatti sono per natura magici, ma non escluderei che ci siano tra loro gatti più o meno intelligenti, più o meno evoluti. (In seguito partecipai a una festa in casa di un altro opertore olistico. Quando un caro amico mi chiese come era stata gli risposi: “Boh. Ha gatti idioti! O_O”)

I gatti sperimentano per natura ciò che per prima Jane Roberts con gli scritti di tutta la sua vita si impegnò a divulgare, al grande pubblico, fin alla metà del secolo scorso. La realtà non è una. La realtà è una serie di realtà contemporanee parallele.
Il gatto non vede uno. Vede uno e le sue potenzialità, le sue realtà possibili al di là del tempo.
Il mio amico avrebbe vinto la gara. Oppure no. La vittoria esisteva già. Faceva parte dei suoi sogni, delle sue creazioni mentali/astrali, delle sue realtà possibili. Bastava andare verso quella direzione. E prenderne possesso.

Il gatto vede in bianco e nero, vede la realtà che lo circonda come la vediamo noi senza troppi dettagli perché di fatto ci sono cose molto più interessanti da vedere. E inoltre, a volte letteralmente, vede delle griglie. Le griglie esistono oggettivamente. Le mostrano i film Matrix, Lucy. Alcune mie amiche le hanno viste e hanno addirittura provato a spostarle e giocarci. Anche io ne ho avuto percezione in casi eccezionali.
Queste griglie si possono moltiplicare a volontà per ogni aspetto di interesse e possono così articolare i piani della visione: visione materiale, visione astrale, possibilità presenti, passate e future, cose invisibili di cui sento i rumori fuori dalla porta, tutto può rientrare nel campo visivo.
Ad esempio, se, per gentile e amorevole concessione, i gatti vi ospitano nella loro ghiandola pineale, potete vedere vari aspetti contemporanei di una cosa o vari parti di un sistema che si muovono contemporaneamente o la collocazione o la direzione di una persona nello spazio-tempo in relazione a voi o a se stessa o aspetti del passato come del futuro… Mi è capitato l’altro giorno, con il giovane gatto che ho in casa.

Insomma tutte cose che un comune veggente padroneggia, soprattutto se è di pelo nero e baffi lunghi.
Se invece le tue doti di veggenza sono ancora arrugginite e sei solo umano… fai parte di una razza inferiore, è vero, ma puoi sempre migliorare. Se ti applichi. Insieme a un gatto. Nel silenzio assoluto delle vostre menti congiunte.
Un gatto in fondo non è molto diverso da un essere umano. Anche lui può essere, con la consapevolezza, istantaneamente in varie parti del globo e dell’Universo e allo stesso tempo essere superpresente nella realtà materiale a 3D. Cose di tutti i giorni. Per lui che ha non la parola ma la magia pura e intatta dell’Infinito.

Quando un gatto vi guarda “intorno”, ora che sapete come funziona, chiedetegli che cosa sta vedendo. Io ad esempio sono sicura che vede gli Spiriti di altri Mondi che mi stanno a fianco. Ma non mi ha mai dato la soddisfazione di una conferma.

Ah il ragazzo alla fine perse la gara, con tutte le conseguenze del caso. Si trattò della sconfitta conclusiva, e decisiva, di una serie di sconfitte dopo una brillante ascesa. Forse il ragazzo non si trovava al posto suo. Forse aveva qualcosa fuori posto. Fatto sta che in questo spazio-tempo non ebbe accesso alla realtà che sognava.

Forse un gatto lo avrebbe aiutato. Perché i gatti non solo solo veggenti ma anche terapeuti.
Ma su questo devo ancora ricevere lezioni private.
Nel caso , vi farò sapere.

 

—————-.–.—————-

Al Mio Re – Edizione speciale
Ebook, audiobook e bonus “Regressione per la Felicità in Amore”

Al Mio Re” è tornato in un’edizione speciale con il mio regalo speciale per te
Sperimentiamo insieme la regressione guidata ad altre vite e ad altri spazi-tempo con uno speciale mp3 formulato per l’uso individuale e per la liberazione dei blocchi nella sfera affettiva. Prova subito il mio strumento di maggiore successo!

Regressione guidata mp3
Scoprilo subito nel mio e-commerce.

—————-.–.—————-

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER
Rimani aggiornato su tutte le mie attività e ricevi i migliori articoli dal mio blog!

Per te in regalo, l’e-book
“IBOGAcome riconoscere e utilizzare efficacemente la Pianta Maestra più potente e sconosciuta del pianeta”.
ISCRIVITI QUI

iboga-bonus-newsletter

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • L’antico autentico valore del Natale
    No, dico ma voi sapete che periodo stiamo vivendo? Il più importante di tutti.L’introspezione, la guarigione. Il letargo è il momento più creativo di tutti. Lo Spirito scende in noi e ci illumina dent...
  • Gatto in scatola
    Quando vidi un Giaguaro dentro una scatola (per sua volontà) capii che doveva esserci sotto qualcosa. Non sotto alla scatola. Dico proprio  sotto questo amore per le scatole che i felini mostrano di a...
  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Ad amare comincia Tu!
    Cominciamo bene… Comincia tu!Gli incontri importanti hanno qualcosa di estremo, piacevole e compulsivo.Tanto è vero che non gli si sa resistere.E loro aprono Vie Nuove nella vita di ciascuno…Come si s...
  • Sciamanesimo Italiano o Magia della Natura?
    Esiste lo Sciamanesimo Italiano?"I forti calori dell’estate si sono ormai attenuati, non è più tempo di forza e di eccessi, e la Natura inizia a ripiegare con pudore la sua bellezza ancora sfavillante...

Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)

Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?) 400 265 Silvia Pedri
Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e visionari.

http://www.armagan.com/
http://www.anatolia.com/articles/lively_colors/

Laurie Rubin è un giovane e apprezzato mezzo-soprano, vive in America, ha appena pubblicato una autobiografia sulla sua sfrenata e aggraziata vita da outsider, e ha ultimamente creato, con le sue mani, la collezione di gioielli più bella che io abbia mai visto.
http://thelrlook.com/

Che cos’hanno in comune questi due personaggi?

Sono entrambi ciechi dalla nascita.
———————-
Trova la Tua Via, vivi la Tua Vita!
Io ho scelto l’Abbondanza.
E Tu?
Esplora insieme a me il tuo cammino e raggiungerai il centro di te stesso e dei tuoi desideri.
La Gioia è qui che ti aspetta, nel fondo del Tuo Cuore… 😉
Consulti e terapie personalizzati: Parlami
Tutte le mie pubblicazioni su: Silvia Pedri Pubblicazioni
Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i miei articoli: Mi iscrivo

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro
    Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - LibroBellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. "Tutti i bambini possono diventare Einstein....
  • Mass media e opinioni di massa: tu con chi stai?
    (…) Le notizie hanno il solo scopo di continuare ad alimentare la vostra paura e di offrirvi problemi infiniti che non siete in grado di risolvere, per generare un flusso costante di impotenza e assic...
  • il Segreto sta qui
    "Il Segreto sta qui" dico portandomi la mano al petto e battendo forte."Il Segreto sta qui" dico portando le mani giunte in preghiera al terzo occhio.E ho ragione. Ma di più. Il sistema è olistico. Il...
  • Omologazione stressante
    “Tale e Quale”. Io non ho la televisione. Ma a volte, quando sono a casa dei miei genitori, mi capita davanti lo spot pubblicitario di questo programma televisivo.Ci sono stati tanti programmi in prec...

Aquile, Polli, Procioni: ognuno è quello che è.

Aquile, Polli, Procioni: ognuno è quello che è. 150 150 Silvia Pedri
Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro

Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein – Libro

Bellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. “Tutti i bambini possono diventare Einstein.” Colpisce.
Lo trovo raccapricciante.
È il solito discorso di quei best-sellers mondiali che insegnano a polli a volare come Aquile. Perché devo volare (cercare disperatamente di volare) quando sono un pollo? Esistono manuali per polli che hanno smarrito se stessi? Manuali per polli trasformati in aquile che devono ritrovare se stessi?
Perché è così la società. Le persone che ci amano, quelle che ci odiano. Ci tirano. Verso quello che loro pensano sia giusto per noi. Un posto fisso, uno stipendio da Aquila, un’automobile, un abito che fa il monaco… E noi, tirati, nella tensione di essere qualcosa che non siamo, ci allontaniamo dal nostro centro e da noi stessi.
Essere aquila ha tanti pro e tanti contro. Essere pollo ha tanti pro e tanti contro. Essere procione ha tanti pro e tanti contro. Ognuno ha il suo posto, il suo onorevole ruolo all’interno della comunità animale/umana. Una persona dovrebbe sapere fin dall’infanzia, fin dentro le ossa, che va bene così, è perfetta così com’è. Forse è Einstein forse no. Forse è Kandinskij. Ma potrebbe non essere e non voler diventare né scienziato né pittore né prodigio creativo qualsivoglia. Ogni persona dovrebbe avere la profonda e serena consapevolezza che va bene così, che è quello che è ed è perfetto. Non deve diventare nessun altro. Non deve sforzarsi di diventare se stesso. Deve essere, semplicemente, se stesso al meglio, appieno.  Allora la pietra grezza che è, di qualsiasi colore sia, brillerà.

 

Esercizi per Leader

Esercizi per Leader

Questo libro, “Esercizi per leader”, spende le prime pagine (le ho lette) a dissertare in modo logico e incontrovertibile sul fatto che tutte le capacità dei leader vanno coltivate e che tutte si possono apprendere. Sicuro, TUTTO si può apprendere.
Basta che mi applichi, che faccia gli esercizi, da bravo…
Ma perché mai? Se non sono nato leader perché dovrei diventarlo?
Perché mai se sono miniaturista dovrei apprendere a fare graffiti? Non è il mio stile! Perché devo per forza volare come un’aquila? Perché è bello. E chi lo dice? Posso contrattare “gabbiano” o proprio non ho scelta? È ridicolo.
La domanda non è:  Ce la posso fare a raggiungere certi standard? La domanda non è:  Come posso fare a raggiungere certi standard?
La domanda è: Chi sono io? Come posso rispettarmi ed essere felice?

 

———————-
Trova la Tua Via, vivi la Tua Vita!
Io ho scelto l’Abbondanza.
E Tu?
Esplora insieme a me il tuo cammino e raggiungerai il centro di te stesso e dei tuoi desideri.
La Gioia è qui che ti aspetta, nel fondo del Tuo Cuore… 😉
Consulti e terapie personalizzati: Parlami
Tutte le mie pubblicazioni su: Silvia Pedri Pubblicazioni
Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i miei articoli: Mi iscrivo

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Con amore, dire di No
    "Tutto triste, il camaleonte si rese conto che, per conoscere il suo vero colore, doveva posarsi sul vuoto." (Alejandro Jodorowsky) A volte bisogna dire di no.A volte bisogna dire basta.Quando?Qu...
  • Dire di sì all’Amore
    Per dire “ ti amo ” gli indiani Yanomami usano queste parole: ”YA PIHI IRAKEMA”, che tradotto suona pressapoco così: “Sono stato contaminato da te", ossia una parte di te è entrata in me, dove vive e ...
  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Quando il Successo è maturo
    Quando il frutto è maturo..."If you can dream it you can do it"Walt DisneyIl successo si ha quando non te ne importa più, quando hai già imparato come si fa. "Massì! Ho capito…" Se riesci a vederlo ne...
  • Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)
    Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e vis...
  • Mass media e opinioni di massa: tu con chi stai?
    (…) Le notizie hanno il solo scopo di continuare ad alimentare la vostra paura e di offrirvi problemi infiniti che non siete in grado di risolvere, per generare un flusso costante di impotenza e assic...
  • il Segreto sta qui
    "Il Segreto sta qui" dico portandomi la mano al petto e battendo forte."Il Segreto sta qui" dico portando le mani giunte in preghiera al terzo occhio.E ho ragione. Ma di più. Il sistema è olistico. Il...
  • Omologazione stressante
    “Tale e Quale”. Io non ho la televisione. Ma a volte, quando sono a casa dei miei genitori, mi capita davanti lo spot pubblicitario di questo programma televisivo.Ci sono stati tanti programmi in prec...

il Segreto sta qui

il Segreto sta qui 150 150 Silvia Pedri

“Il Segreto sta qui” dico portandomi la mano al petto e battendo forte.
“Il Segreto sta qui” dico portando le mani giunte in preghiera al terzo occhio.
E ho ragione. Ma di più. Il sistema è olistico. Il segreto è in tutto il corpo.
Il segreto è essere luminosi. Il segreto sta nel quoziente di luce, nel voltaggio che ci caratterizza. Come scorre l’energia, come si srotola la kundalini, come è tersa la nostra visione. Come anche la nostra ombra, le parti di noi con le quali siamo meno a nostro agio, è illuminata. No tabu. “Che la tua gioia sia resa piena”, in ogni aspetto.
E il segreto straordinario, e forse scontato, è che se il quoziente di luce è insoddisfacente si può incrementare.

 

Qui sta il segreto, spirituale e materiale. Tutto parte dallo Spirito. Siamo Spirito che abita corpi e fa esperienza. Più i suoi corpi, dal fisico all’astrale, sono sgombri, più l’esperienza è istruttiva creativa e gratificante.
Siamo qui per giocare con la materia, non per prenderla sul serio. Il potere spirituale imprime e dirige la materia. Viviamo quello che inconsciamente emaniamo, quello che siamo. Sintonizziamoci col nostro Sè Superiore. Saremo in contatto con l’eterno fluire, interno ed esterno a noi, saremo in sintonia col flusso della Vita. Che altro è la Fortuna? Chiamarla e mettersi in ascolto. Lasciarla arrivare e danzare insieme a lei. Sono sempre al centro di me stessa, in nessun altro luogo potrei vivere. Eppure sono in sintonia con un Mondo che cambia. Cambiano i passi di danza? (Niente di più divertente e creativo!) Resto sempre in piedi.

La materia risponde alle leggi dello Spirito. Non ha potere di per sé. Di per sé, è polvere. Lo spirito la aggrega, Lo spirito la trasforma. Sto parlando del tavolo sul quale scrivo, del cibo che cucino, del corpo in cui vivo. Non esistono leggi della materia, esistono solo leggi dello Spirito. Gli alchimisti sono diventati famosi per avere reso questa teoria una pratica. Attraverso interminabili distillazioni, fuori e dentro se stessi, pervenivano all’oro. Non a caso vivevano una esistenza ritirata e oscura e spesso erano grandi benefattori. Io non ne ho mai conosciuto. Però ho conosciuto personalmente un allievo diretto dell’alchimista e cabalista francese Patrick Burenstainas (sempre giovane eheh e attivo in Francia, potete cercare il suo sito) che raccontava che il suo maestro per divertimento un giorno aveva portato un rubino, da lui creato, a valutare da un gioielliere esperto in pietre preziose. Questi gli disse che sì era certamente autentico. Però, racconta il mio amico, il gioielliere si accorgeva che era un rubino particolare, era perplesso, ma non sapeva dire il perché… In ogni caso “Splendido rubino!”

———————-
Trova la Tua Via, vivi la Tua Vita!
Io ho scelto l’Abbondanza.
E Tu?
Esplora insieme a me il tuo cammino e raggiungerai il centro di te stesso e dei tuoi desideri.
La Gioia è qui che ti aspetta, nel fondo del Tuo Cuore… 😉
Consulti e terapie personalizzati: Parlami
Tutte le mie pubblicazioni su: Silvia Pedri Pubblicazioni
Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i miei articoli: Mi iscrivo

 

Se ti è piaciuto l'articolo, leggi anche:

  • Se non sei concentrato non ti puoi espandere
    "Se non sei concentrato non ti puoi espandere."Sembra il detto di uno di quei guru che guidano al Successo. Ma potrebbe essere una massima macrobiotica, o di filosofia cinese. È entrambe le cose!È que...
  • Per avere Visione non è necessaria la vista (e allora cosa?)
    Esref Armagan è un pittore non proprio di grido ma quotato in tutto il mondo, vive in Turchia ha una cinquantina d’anni, autodidatta, dipinge a olio, con una tecnica esclusiva, quadri dolcissimi e vis...
  • Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - Libro
    Tutti I Bambini Possono Diventare Einstein - LibroBellissimo libro. Non l’ho letto. Lo cito solo per parlarne male. Bella l’immagine. Bellissimo il titolo. "Tutti i bambini possono diventare Einstein....
  • Io non ho paura del denaro
    Io non ho paura del denaro. Non ho paura che finisca. In fondo è solo una cosa astratta, utile a scopi concreti. Non è il centro della vita. Il centro della mia vita semmai sono io. E ben sappiamo che...
  • Le cose migliori sono gratis
    Come vivere felici?  Basta poco per essere felici.Lo diceva già John Lennon “Can’t buy me love”. E le cose non sono cambiate molto.Non sono cambiate molto dall’epoca del sorgere della Razza Umana.La c...
  • Come vedono i Gatti: incontri ravvicinati con la ghiandola pineale del felino più divino
    C’era una volta, poco tempo fa, un ragazzo che doveva vincere, un veggente e io.Nella stessa stanza.Beh non proprio. Il ragazzo nella stanza era in spirito, nei nostri pensieri. Il veggente era un gat...
  • Crescere nel cambiamento
    Sono qui per te. Sono qui per sostenerti nella tua crescita. In Amore. In Libertà.Che in ogni persona il quoziente di felicità cresca, progressivamente, e si stabilizzi sui massimi livelli è mia inten...
  • Tu ed io, nella Libertà, nella Crescita
    Io sono i miei vestiti, quelli che ho scelto, che ho pagato, i vari abiti che sono nel mio armadio e che variamente indosso. Sono io. Così sono così mi esprimo. Ma io non sono i miei abiti. Neanche tu...